Sabato 22 Ottobre 2016 - 20:00

Usa2016, Trump: Porterò in tribunale donne che mi accusano

Il candidato attacca: "Sono delle bugiarde"

Usa2016, Trump: Porterò in tribunale donne che mi accusano

"Tutte quelle donne hanno mentito, quando si sono presentate per colpire la mia campagna", "tutte quelle bugiarde saranno portate in tribunale quando queste elezioni saranno finite". Questa la promessa del candidato repubblicano alla presidenza degli Stati Uniti, Donald Trump, parlando a Gettysburg, in Pennsylvania. Il magnate faceva riferimento alle donne che lo hanno accusato di aver subito da lui molestie sessuali di vario genere. "I media stanno cercando di avvelenare la mente degli elettori americani", ha detto anche, parlando di "totale invenzione" e dicendo che "quegli eventi non sono mai avvenuti".

Trump ha anche accusato la sfidante, la democratica Hillary Clinton, di essere responsabile delle accuse: "E' stata probabilmente" la "campagna di Clinton a portare alla luce queste bugiarde con le loro storie inventate". Ha aggiunto: "Ma scopriremo di più in seguito, attraverso le cause in tribunale, cosa che faremo".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Primi 100 giorni di Trump: 15mila protestano a Washington per clima

Primi 100 giorni di Trump: 15mila protestano a Washington per clima

La marcia è partita dal prato del Campidoglio, sede del Congresso Usa, ed è diretta verso la Casa Bianca

Brexit, Juncker: Difficile mantenere unità Ue, ma faremo di tutto

Brexit, Juncker: Difficile mantenere unità Ue, ma faremo di tutto

Oggi sono state approvate all'unanimità le linee guida Ue da seguire nel corso dei negoziati

Gentiloni alla riunione  a Bruxelles

Brexit, Ue approva all'unanimità linee guida per negoziato

Il presidente Tusk: Un mandato politico forte ed equo dei 27 è pronto per i colloqui

Wikipedia 15th anniversary

Turchia, Ankara blocca accesso a Wikipedia

Lo segnala un gruppo di monitoraggio delle attività online, Turkey Blocks. Ankara aveva già bloccato gli accessi a Twitter e Facebook