Mercoledì 20 Aprile 2016 - 19:30

Usa2016, Teodori:Hillary muscolare, vicina alla vittoria

L'ex segretaria di Stato sembra pronta all'incoronazione ufficiale

Hillary Clinton

Hillary Clinton, la candidata alla Casa Bianca, sembra pronta a volare verso la convention democratica che la incoronerà come nome ufficiale del partito. Da lì, sembra breve il passo per diventare presidente, come lo è stato -per due volte- suo marito Bill. E questo porterà forse ad una politica estera 'muscolare', lontana da quella dell'attuale presidente Barack Obama. Le conseguenze su diversi scacchieri - dalla Libia alla Siria - potrebbero essere pesanti. Questo il quadro dipinto dal professor Massimo Teodori, esperto di storia degli Stati uniti.

Professor Teodori, partiamo dall'attualità di questi giorni. Clinton e Trump hanno vinto nelle primarie dello Stato di New York. Il risultato era prevedibile?

Sì, per due ordini di ragioni. C'erano, da una parte, dei sondaggi favorevoli a questi due candidati. Del resto, in questo Stato l'elettorato ha una composizione tale da prevedere che si orientasse, soprattutto in ambito democratico, verso la Clinton, essendo afroamericano e ispanico, da sempre a favore dell'ex segretario di Stato. Altrettanto vale per Trump: una classe media bianca fortemente impaurita ha trovato nel magnate la sua espressione più diretta.

Parliamo ora di Sanders, del senatore che la settimana scorsa era qui a Roma, e ha anche incontrato Papa Francesco. La sua stella è ormai tramontata? La Clinton ha la nomination in tasca?

Ormai la Clinton, salvo avvenimenti incredibili, ha la nomina in tasca: può contare su un numero di delegati alla convention nazionale  ormai vicino alla maggioranza. Ci sono ancora dei grossi Stati, come Pennsylvania e California, che possono dare quello che manca per arrivare alla convenzione di luglio con la maggioranza in tasca. Il problema è un altro.

Quale?

La Clinton non potrà ignorare le ragioni del successo di Sanders, e i temi da lui sollevati. Infatti, già fin da ora, ha assorbito alcuni temi, come quello del welfare, o della distanza tra ricchi e poveri. E dovrà farlo ancora di più nella campagna elettorale dopo l'estate, per arrivare davvero alla Casa Bianca, e anche se verrà eletta presidente, come è probabile. Sanders è riuscito a sollevare, a mettere all'ordine del giorno, temi che, nella politica americana, sono stati a lungo molto marginali e di nicchia.

Passiamo ora al campo repubblicano. Come è messo Trump?

I casi sono due. O arriva alla convention di luglio con la maggioranza dei delegati - 1.300 circa - nel qual caso la convenzione è sostanzialmente chiusa, oppure avrà certo il maggior numero di voti ma non la maggioranza: allora ci possono essere sorprese. Possono iniziare operazioni che potrebbero mettere in dubbio la sua nomina, anche se a me pare molto difficile che dopo un successo simile possa non essere il candidato ufficiale repubblicano.

Scritto da 
  • Matteo Bosco Bortolaso
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Usa, il senato conferma Gina Haspel come direttore della CIA

Dazi, dopo la pace con gli Usa la Cina taglia tariffe su import auto

E intanto si avvicina la data in cui anche l'Unione Europea saprà la decisione di Trump

Siria, sette anni di guerra civile

Iraq, jihadista belga condannato a morte per appartenenza all'Isis

Nella prima udienza presso il tribunale di Baghdad si era dichiarato innocente

Australia, arcivescovo Wilson colpevole: coprì abusi sessuali negli anni '70

Si tratta del più alto prelato al mondo ad essere stato perseguito con successo per questo reato

Cuba, aereo si schianta al decollo

Cuba, incidente aereo: morta una delle tre donne sopravvissute

Il bilancio delle vittime sale a 111, il peggiore sull'isola da quasi 30 anni