Martedì 21 Marzo 2017 - 17:15

Gli Usa vietano i tablet sui voli da Medioriente e Nord Africa

Restrizioni ai dispositivi elettronici più grandi dei cellulari su aerei provenienti da 10 aeroporti di 8 Paesi a maggioranza musulmana

Usa vietano tablet su voli da Medioriente e Nord Africa. Londra pronta a seguire

 I passeggeri che voleranno negli Stati Uniti da 10 aeroporti di otto Paesi, in gran parte in Medioriente e Nord Africa, dovranno rinunciare a portare i loro dispositivi elettronici nel bagaglio a mano, con l'unica eccezione dei telefoni. Lo ha confermato il governo americano, sottolineando che la misura deriva da informazioni di intelligence su potenziali minacce terroristiche, mentre non è legata all'ordine sull'immigrazione del presidente Donald Trump nei confronti di sei Paesi a maggioranza musulmana. Secondo quanto riferisce Sky News anche il Regno Unito seguirà le orme degli Usa e introdurrà il divieto

 

La misura, ha confermato il dipartimento di Sicurezza interna americana, vieta di portare nel bagaglio a mano dispositivi elettronici più grandi di un telefono cellulare, come tablet, lettori dvd portatili, laptop e telecamere. A doverli imbarcare in stiva saranno i passeggeri provenienti da aeroporti di otto Paesi a maggioranza musulmana: Amman in Giordania; il Cairo in Egitto; Kuwait City in Kuwait; Doha in Qatar; Dubai e Abu Dhabi negli Emirati Arabi Uniti; Istanbul in Turchia; Casablanca in Marocco; Riad e Gedda in Arabia Saudita. Già nel luglio 2014 il dipartimento americano aveva rafforzato le misure di sicurezza sui voli diretti negli Stati Uniti, ordinando maggiori controlli sui telefoni cellulari e sugli altri dispositivi elettronici, chiedendo ai passeggeri di accenderli prima di imbarcarsi.

Gli aeroporti colpiti dalla misura sono serviti da nove compagnie che ogni giorno hanno 50 collegamenti diretti con gli Usa. Tra esse ci sono Royal Jordanian Airlines, Egypt Air, Turkish Airlines, Saudi Arabian Airlines, Kuwait Airways, Royal Air Maroc, Qatar Airways, Emirates ed Etihad Airways, hanno riferito fonti ufficiali governative americane. I vettori avranno tempo sino a venerdì per adeguarsi alle nuove misure, che saranno applicate a tempo indeterminato. Nessuna spiegazione dalle autorità americane sul fatto che il divieto valga solo per i voli diretti negli Usa, e non per quelli in partenza da essi verso gli aeroporti elencati. Il dipartimento, che ha puntualizzato saranno autorizzati in cabina i dispositivi elettronici medici, ha sottolineato che le misure resteranno in vigore sino a quando "le minacce" che le hanno motivate continueranno, e che non è escluso siano ampliate ad altri scali se sarà ritenuto necessario. Le autorità hanno citato la "preoccupazione sul continuo interesse dei terroristi nel colpire aerei commerciali, tra cui hub dei trasporti, negli ultimi due anni". "Le informazioni indicano che gruppi terroristi continuano ad avere come obiettivi i voli commerciali, anche introducendo a bordo esplosivi in vari oggetti di consumo", hanno puntualizzato, facendo riferimento ai dispositivi elettronici.

Fonti ufficiali americane hanno fatto sapere che la misura è stata valutata dopo un'operazione Usa in Yemen contro al-Qaeda nella Penisola Arabica (Aqap), che ha pianificato tentati attacchi dinamitardi su voli diretti in Occidente. Il gruppo terrorista ha rivendicato tra l'altro l'attentato contro il giornale satirico francese Charlie Hebdo a Parigi, condotto il 7 gennaio 2015. Nel 2010, la sicurezza britannica e di Dubai intercettò pacchi bomba su voli diretti dallo Yemen agli Usa, mentre nel 2009 Aqap rivendicò il fallito attentato sul volo Amsterdam-Detroit.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Tunisia.Rifugiati libici

Libia, 100 migranti chiusi in un tir: sei bimbi e due adulti morti soffocati

Le vittime, secondo quanto riportano le autorità libiche, sono morte a causa dei fumi della benzina

Thailandia, Musk attacca sub: "Pedofilo". Lui pronto a fare causa

Le accuse dell'ad di Tesla dopo che il sommozzatore ha bocciato la sua offerta di fornire un sottomarino in miniatura per estrarre i calciatori

SUMMIT G8 - IL PRESIDENTE DEGLI STATI UNITI  BILL CLINTON STRINGE LA MANO A VLADIMIR PUTIN

Un leader russo, quattro presidenti Usa: Putin e i rapporti con Washington

Relazioni altalenanti nel bene e nel male, ma mai rapporti duraturi. Ecco i precedenti e la situazione attuale con Trump

Summit a Helsinki, Putin: "No interferenze in elezioni Usa". Trump: "Russiagate è una farsa"

Storico vertice nel palazzo presidenziale. Dal Russiagate alla Siria: tanti i nodi da sciogliere