Giovedì 01 Marzo 2012 - 18:15

Caso Jamie Stice: condannata donna che la uccise e estrasse il bimbo

IMG

Bowling Green (Kentucky, Usa), 1 mar. (LaPresse/AP) - Kathy Coy di Morgantown, in Kentucky, è stata condannata all'ergastolo per aver ucciso una conoscente incinta e per aver estratto il bambino vivo dalla sua pancia. La donna aveva accettato la sentenza il mese scorso, evitando così un'eventuale pena di morte. Si è dichiarata colpevole, ma inferma di mente, ammettendo di aver ucciso l'anno scorso la 21enne Jamie Stice e di aver preso il suo bambino. Oggi in aula Coy è rimasta impassibile durante la lettura del verdetto. "In questo caso non c'è giustizia", ha commentato Eric Stice, il fratello della vittima. Il bimbo, di nome Isaiah, è sopravvissuto e vive con il padre. Coy aveva conosciuto Stice su Facebook. Ad aprile scorso l'ha convinta a uscire insieme, l'ha immobilizzata, le ha tagliato le vene e poi ha estratto il bimbo dalla sua pancia. Di seguito Coy ha portato il piccolo, insieme a utero, ovaie, placenta e cordone ombelicale, in un ospedale locale dicendo di aver partorito. Poi sosteneva di aver comprato il bambino al prezzo di 550 dollari.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

EGYPT-UNREST-CHURCH-ATTACK

Sudan, naufragio sul Nilo: muoiono 22 bambini e una donna

La barca è affondata a causa di un guasto al motore

La nave Aquarius torna in mare a Marsiglia

Aquarius attracca a Malta: migranti accolti da sei Paesi Ue

Dopo tre giorni di attesa in mare, la nave dell'Ong arriva al porto di La Valletta: dei 141 a bordo 67 sono minori non accompagnati

Israele, Benjamin Netanyahu in conferenza stampa

Distensione in Medioriente: Israele riapre passaggio merci verso Gaza

Segnale di temporaneo disgelo tra le parti in conflitto. Ma la tregua vera è ancora lontana

Survivor voice Europa - Incontro internazionale delle vittime dei preti pedofili

Preti pedofili, 70 anni di abusi in Pennsylvania coperti dalla Chiesa

Un Grand giurì ha riconosciuto la colpa di 300 sacerdoti su oltre mille bambini