Sabato 12 Novembre 2016 - 08:45

Terza notte di proteste contro Trump in Usa

I manifestanti non si fermano nonostante le parole del presidente eletto

USA, proteste contro vittoria elettorale di Donald Trump

Ancora una notte, la terza, di proteste negli Stati Uniti contro l'elezione di Donald Trump. In migliaia sono scesi in strada a Miami, Atlanta, Philadelphia, New York, San Francisco e Portland per esprimere la loro rabbia nei confronti del neoeletto presidente Usa. Nel centro di Portland i manifestanti hanno bloccato il traffico e lanciato oggetti contro la polizia in tenuta antisommossa. Gli agenti hanno respinto i manifestanti con spray al peperoncino e sembra che almeno una persona sia stata arrestata.

In centinaia hanno marciato per le strade di Los Angeles fermando la circolazione e sventolando cartelli con la scritta: "Respingiamo il presidente eletto". Proteste anche a Miami e a New York, dove i manifestanti si sono riuniti al Washington Square Park e vicino alla Trump Tower, dove vive il magnate, sulla Fifth Avenue.

In merito alle proteste, Trump ieri, in un primo momento, ha accusato i media di istigare i manifestanti contro di lui: "Abbiamo appena avuto un'elezione presidenziale molto trasparente e di successo. Ora manifestanti di professione, incitati da mesi, stanno protestando. Questo è ingiusto". Salvo poi fare marcia indietro e usare una tattica più conciliante. Su Twitter infatti ha teso la mano ai manifestanti: "Amo il fatto che piccoli gruppi di manifestanti la scorsa notte abbia mostrato passione per il nostro grande Paese. Ci uniremo tutti e ne saremo orgogliosi".

 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Usa, Cnn: Giuliani non è più in lizza per dipartimento di Stato

Usa, Cnn: Giuliani non è più in lizza per dipartimento di Stato

. Secondo l'emittente americana, altri candidati sarebbero l'ex candidato alla presidenza repubblicana nel 2012 ed ex governatore del Massachusetts, Mitt Romney e l'amministratore delegato di Exxon Mobil, Rex Tillerson

Trump pensa alla deputata McMoriss per il dipartimento Interni

Trump pensa alla deputata McMoriss per il dipartimento Interni

La deputata ha incontrato Trump lo scorso 20 novembre, a cui si è avvicinata in un secondo momento dopo averlo votato durante le primarie "senza grande entusiasmo"