Sabato 24 Settembre 2016 - 10:15

Charlotte, su pistola le impronte di Keith. Moglie pubblica video

La famiglia dell'uomo di colore freddato dalla polizia ha diffuso sul web il video in cui Keith viene ucciso

Sulla pistola trovata a Charlotte ci sono le impronte di Keith

Una pistola è stata recuperata sulla scena della sparatoria che è costata la vita a Keith Lamont Scott, un uomo di colore freddato da parte della polizia di Charlotte, nel North Carolina. Sembra, secondo quanto riportato dalla Cnn, che sulla pistola ritrovata ci siano le impronte digitali della vittima.

Intanto la famiglia dell'uomo di colore ucciso dalla polizia ha diffuso in rete un drammatico video girato con il cellulare dalla moglie dell'uomo, nel quale si sente la donna chiedere ai poliziotti di non sparare al 43enne. "Non sparate! Non ha nessuna arma", urla la donna, che però nel video continua a ripetere al marito "Scott non lo fare". Poi si sentono dei colpi di pistola e infine la donna riprende il corpo dell'uomo riverso a terra. "Non mi avvicino ma sperate che sia vivo", dice infine la moglie del 43enne agli agenti.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Istanbul, svolta nell'attentato di Capodanno: catturato l'autore della strage

Istanbul, svolta nell'attentato di Capodanno: catturato l'autore della strage

Secondo quanto riporta la Cnn Turk, l'uzbeko Masharipov è stato arrestato insieme al figlio. Nell'attacco morirono 39 persone

Hollande risponde a Trump: L'Ue non ha bisogno di lezioni

Hollande risponde a Trump: L'Ue non ha bisogno di lezioni

Dalla Francia arriva la replica alle bacchettate del magnate

Crolla il governo in Irlanda del Nord: elezioni il 2 marzo

Crolla il governo in Irlanda del Nord: elezioni il 2 marzo

Sciolta oggi dall'esecutivo britannico l'Assemblea autonoma dello Stato

Messico, sparatoria a un festival techno: anche un italiano tra le cinque vittime

Messico, sparatoria in un locale: un italiano tra le vittime

Si tratterebbe di Daniel Pessina, di origini milanesi. Secondo il procuratore l'agguato non rappresenta un atto di terrorismo