Sabato 24 Settembre 2016 - 10:15

Charlotte, su pistola le impronte di Keith. Moglie pubblica video

La famiglia dell'uomo di colore freddato dalla polizia ha diffuso sul web il video in cui Keith viene ucciso

Sulla pistola trovata a Charlotte ci sono le impronte di Keith

Una pistola è stata recuperata sulla scena della sparatoria che è costata la vita a Keith Lamont Scott, un uomo di colore freddato da parte della polizia di Charlotte, nel North Carolina. Sembra, secondo quanto riportato dalla Cnn, che sulla pistola ritrovata ci siano le impronte digitali della vittima.

Intanto la famiglia dell'uomo di colore ucciso dalla polizia ha diffuso in rete un drammatico video girato con il cellulare dalla moglie dell'uomo, nel quale si sente la donna chiedere ai poliziotti di non sparare al 43enne. "Non sparate! Non ha nessuna arma", urla la donna, che però nel video continua a ripetere al marito "Scott non lo fare". Poi si sentono dei colpi di pistola e infine la donna riprende il corpo dell'uomo riverso a terra. "Non mi avvicino ma sperate che sia vivo", dice infine la moglie del 43enne agli agenti.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Princess of Asturias Awards 2017 in Oviedo

Catalogna, re Felipe: "È e sarà parte Spagna, secessione inaccettabile"

Un nuovo messaggio del monarca alla vigilia dell'applicazione dell'articolo 155 da parte del governo Rajoy

Afghanistan, ancora un attacco suicida nei pressi di una moschea sciita

Afghanistan, attacchi kamikaze in due moschee: 50 morti

Le diverse esplosioni sono avvenute mentre i fedeli si raccoglievano per la preghiera

Obama in supporto del candidato democratico Northon in Virginia

Usa, il ritorno di Obama in politica. E Bush gli fa eco (contro Trump)

Un passo molto atteso dai sostenitori dell'ex presidente

Corea del Nord, Kim Jong Un presenzia al lancio di un missile Hwasong-12

Nord Corea insiste sul nucleare: "È questione di vita o di morte"

Il direttore generale del dipartimento Nord America del ministero degli Esteri: "Risponderemo al fuoco con il fuoco"