Sabato 24 Settembre 2016 - 10:15

Charlotte, su pistola le impronte di Keith. Moglie pubblica video

La famiglia dell'uomo di colore freddato dalla polizia ha diffuso sul web il video in cui Keith viene ucciso

Sulla pistola trovata a Charlotte ci sono le impronte di Keith

Una pistola è stata recuperata sulla scena della sparatoria che è costata la vita a Keith Lamont Scott, un uomo di colore freddato da parte della polizia di Charlotte, nel North Carolina. Sembra, secondo quanto riportato dalla Cnn, che sulla pistola ritrovata ci siano le impronte digitali della vittima.

Intanto la famiglia dell'uomo di colore ucciso dalla polizia ha diffuso in rete un drammatico video girato con il cellulare dalla moglie dell'uomo, nel quale si sente la donna chiedere ai poliziotti di non sparare al 43enne. "Non sparate! Non ha nessuna arma", urla la donna, che però nel video continua a ripetere al marito "Scott non lo fare". Poi si sentono dei colpi di pistola e infine la donna riprende il corpo dell'uomo riverso a terra. "Non mi avvicino ma sperate che sia vivo", dice infine la moglie del 43enne agli agenti.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Camera, convegno "I governi locali e regionali e l'Unione europea"

'Le priorità per il futuro dell'Ue': ecco il piano Ccre

Serve una Europa più vicina ai cittadini, che torni a quel principio di sussidiarietà che fu alla base della sua nascita

Egitto, scarcerato l'ex presidente Mubarak

Egitto, scarcerato l'ex presidente Mubarak

Assolto dalle accuse di aver dato ordine di sparare e uccidere dimostranti nel corso della rivoluzione del 2011

Attacco a Londra, altri due arresti: nove persone in custodia

Attacco a Londra, altri due arresti: nove persone in custodia

La polizia sta portando avanti perquisizioni in cinque proprietà

Mogherini: Se coordiniamo intelligence riusciremo a battere Isis

Mogherini: Se coordiniamo l'intelligence batteremo l'Isis

"La battaglia va combattuta su diversi piani", non solo con l'azione militare in Siria e Iraq