Venerdì 17 Febbraio 2017 - 09:45

Usa, Safran Foer: Obama era la speranza, Trump è la rabbia

"E' stato un candidato molto più valido di Hillary Clinton, lei però è un essere umano molto migliore"

Usa, Safran Foer: Obama era la speranza, Trump è la rabbia

"Barack Obama impersonava la speranza degli americani, Donald Trump oggi è invece la rappresentazione della rabbia". Jonathan Safran Foer prova a spiegare i motivi dell'elezione del magnate newyorkese a presidente degli Stati Uniti. "E' stato un candidato molto più valido di Hillary Clinton, lei però è un essere umano molto migliore - continua - Il candidato è quello che è in grado di persuadere altre persone a seguirlo. E' una figura carismatica, ma queste personalità, come ci insegna la storia, in passato hanno causato enormi disastri"."Ci sono però anche dei casi positivi, pensiamo a otto anni fa quando abbiamo eletto Obama. Era inesperto e poco conosciuto, ma era così carismatico che la gente ha votato per lui", sottolinea lo scrittore americano che è tornato a Milano per presentare il suo ultimo romanzo, 'Eccomi' (Guanda), nella seconda anteprima di 'Tempo di Libri'. "Negli Stati Uniti non ci sono elezioni di idee, ma di personalità. Hillary ha vinto con il voto popolare, bisogna dunque distinguere tra chi guida gli Stati Uniti e la volontà del popolo americano".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Usa, barricato nel market di Hollywood uccide una donna: bloccato

Prima ha sparato alla nonna e alla fidanzata: durante la fuga si è rifugiato nel supermercato prendendo in ostaggio diverse persone. Alla fine si è arreso

TOPSHOT-LIBYA-EU-MIGRANTS-RESCUE

Migranti, Open Arms accusa Libia e Italia. Viminale: "Bugie, li denunciamo"

La nave sbarca in Spagna con a bordo i cadaveri della donna e del bimbo recuperati a largo delle coste della Libia e Josepha, unica sopravvissuta al naufragio

Striscia di Gaza, tensioni e scontri tra palestinesi ed esercito israeliano

Tregua tra Hamas e Israele dopo l'ultimo scontro a fuoco nella Striscia di Gaza

Raggiunto un accordo dopo l'uccisione di un soldato dello Stato ebraico e quattro palestinesi