Sabato 12 Marzo 2016 - 22:15

Usa, orso che ispirò 'Teddy Bear' non è più a rischio estinzione

L'orso entrò nella cultura americana nel 1902, dopo una battuta di caccia in cui l'allora presidente Roosevelt

Usa, orso che ispirò 'Teddy Bear' non è più a rischio estinzione

L'orso nero della Louisiana, che diede l'ispirazione al celebre peluche 'Teddy Bear', non è più a rischio estinzione. Il Fish and Wildlike Service degli Usa ha infatti rimosso la specie dall'elenco federale degli animali selvatici in pericolo: attualmente ci sono tra i 500 e i 570 orsi neri americani nel Paese; un forte aumento rispetto ai 150 individuati nel 1992, quando la specie fu segnalata come a rischio.
L'orso entrò nella cultura americana nel 1902, dopo una battuta di caccia in cui l'allora presidente Usa Theodore Roosevelt si rifiutò di sparare ad un orso legato ad albero da dei cacciatori. Il caso diede lo spunto ad un proprietario di un negozio di Brooklyn, che creò l'orsacchiotto 'Teddy Bear'.

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Preso dopo 40 anni il serial killer della California. Era un poliziotto

Catturato il responsabile di una serie di omicidi e stupri avvenuti negli anni '70 e '80 nell'area di Sacramento. Joseph De Angelo, 72 anni, incastrato dal Dna

Washington: Macron al Congresso Usa

Macron a Congresso Usa: "Sì multilateralismo, mai armi nucleari a Iran"

Il presidente ha rimarcato l'amicizia franco-americana, gli "ideali e valori comuni", ringraziando Trump per il "forte simbolo" dell'invito alla Francia nella "prima visita di Stato"

Vincent Bolloré fermato e interrogato per tangenti in Africa

Francia, Bolloré davanti ai giudici: accusato di corruzione

Il miliardario, primo azionista di Vivendi, avrebbe pagato delle tangenti per concessioni portuali in Africa

Alfie Evans court case

Alfie, bocciato nuovo ricorso dei genitori: no al trasferimento in Italia

La Corte d'appello di Londra non cambia idea: il bimbo, affetto da una malattia neurodegenerativa incurabile non può lasciare il Regno Unito