Domenica 27 Maggio 2018 - 11:45

"Odio il cellulare dei miei genitori": lo sfogo di un bimbo di 7 anni nel tema in classe

La maestra sorpresa lo posta su Facebook con l'hashtag #listentoyourkids. E il suo appello diventa virale

"Odio il cellulare dei miei genitori". Un bimbo di 7 anni descrive l'invenzione che odia di più, ossia lo smartphone perché i suoi genitori "sono sempre al telefono". Tutto nasce da un tema assegnato dalla sua insegnante, Jen Beason, che ha poi deciso di condividerlo su Facebook.

La traccia del componimento era, appunto, "Descrivete un'invenzione che non vi piace". Tra i suoi alunni, quattro su 21 hanno descritto l'odio per i telefoni "perché i genitori ci passano tutto il giorno". E alla fine del testo, il piccolo alunno, che frequenta la seconda elementare di una scuola in Louisiana, negli Stati Uniti, ha poi disegnato uno smartphone con una croce sopra.

Un vero e proprio sfogo quello del bimbo che la maestra ha deciso di pubblicare su Facebook commentandolo con l'hashtah #listentoyourkids: "ascoltate i vostri bambini". E il suo appello è diventato virale sui social. 

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Migranti, Merkel riceve Conte: "Verremo incontro a richiesta di solidarietà dell'Italia"

Vertice a Berlino in mezzo alla bufera con la Csu. Il premier: "Non ci possono lasciare da soli". Fico contro Orban: "Se non vuole le quote deve essere multato"

Unicef, video Beckham per 'Super Dads': "Cos'è per me essere papà"

Il campione di calcio, padre di quattro figli e Goodwill Ambassador, racconta la sua esperienza di genitore: dalla preoccupazione costante alla necessità di essere presente

Trump presenzia a un evento in onore delle madri e spose soldato

Migranti, Onu (e Melania) contro Trump: "Irragionevole separare bambini dalle famiglie"

Anche la first lady critica l'attuale legge sull'immigrazione e fa un appello per una riforma bipartisan

Inaki Urdangarin in tribunale

Spagna, in carcere il cognato del re: condannato per appropriazione indebita

Dovrà scontare cinque anni e dieci mesi di reclusione