Domenica 02 Ottobre 2016 - 08:15

Usa, NY Times: Trump avrebbe potuto evitare le tasse per 18 anni

Ciò sarebbe stato possibile in seguito a una perdita dichiarata di 916 milioni di dollari nel 1990

 Usa, NYT: Trump avrebbe potuto evitare le tasse per 18 anni

Donald Trump, candidato repubblicano alla Casa Bianca, ha dichiarato una perdita di 916 milioni di dollari nel 1995 evitando così, con mezzi legali, di pagare le tasse per 18 anni. E' lo scoop pubblicato oggi dal New York Times.  Secondo gli esperti consultati dal giornale americano, questa somma, grazie alle norme fiscali particolarmente vantaggiose per i contribuenti ricchi, gli potrebbe aver permesso di evitare di pagare una quantita equivalente di tasse per un periodo di 18 anni, cioè fino al 2013. Tali benefici fiscali sarebbero derivati, secondo il New York Times, dalle perdite finanziarie provocate dalla cattiva gestione di tre casinò in Atlantic City nei primi mesi del 1990, lo sfortunato esordio di Trump nell'ambito delle compagnie aeree e l'acquisto inopportuno del  Plaza di Manhattan. Il giornale specifica che Trump ha rifiutato di commentare tali informazioni.

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Israeli security forces arrest Palestinian men following clashes outside Jerusalem's Old city

Hamas inneggia all'assassino dei coloni. Israele arresta il fratello

Dopo gli scontri di ieri e l'attacco di un giovane in Cisgiordania, prosegue il botta e risposta tra le parti

Polizia spagnola arresta quattro persone accusate di jihadismo

Interpol: 173 combattenti dell'Isis pronti ad attacchi in Europa

The Guardian ha visto la lista dei nomi. Sarebbero addestrati, ma non si sa quanti siano già sul continente europeo

Marcia indietro di "The Sun". Napoli esce dalle città pericolose

Un'inchiesta del quotidiano inglese l'aveva messa insieme a Raqqa, Mogadiscio e Caracas. Le proteste

White House spokesman Sean Spicer holds an off-camera briefing (no TV) at the White House in Washington

Trump nomina il capo della comunicazione. Portavoce lascia

Sean Spicer, fedelissimo del presidente si dimette in disaccordo con la scelta del finanziere Anthony Scaramucci