Sabato 22 Ottobre 2016 - 16:30

Usa, maxi attacco hacker fatto sfruttando 'internet delle cose'

Presi di mira migliaia di dispositivi connessi al web, come telecamere, baby monitor e router domestici

Usa, maxi attacco hacker condotto sfruttando 'internet delle cose'

L'attacco informatico di ieri che negli Stati Uniti ha oscurato per ore grandi siti web è stato condotto sfruttando il cosiddetto 'internet delle cose', cioé i dispositivi tecnologici di vario genere, tipicamente per uso domestico, connessi al web. Lo affermano esperti di sicurezza digitale, citati dal New York Times. L'attacco si sarebbe basato su migliaia di dispositivi collegati a internet, come telecamere, baby monitor e router domestici, sfruttati all'insaputa dei loro proprietari per permettere agli hacker di indirizzare un enorme flusso di traffico di dati sul loro bersaglio, la compagnia Dyn.

Gli esperti della sicurezza da tempo hanno avvertito sul fatto che l'internet delle cose possa rappresentare una minaccia. E i fatti di ieri, affermano, sono soltanto un assaggio di quello che può essere fatto utilizzandolo per scopi illegali.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Carla Bruni si confessa: "Andare via dall'Eliseo? Un sollievo"

Carla Bruni si confessa: "Andare via dall'Eliseo? Un sollievo"

Vede anche di buon occhio che Sarkozy abbia lasciato la politica

Concerto annullato a Rotterdam per minaccia terroristica

Concerto annullato a Rotterdam per minaccia terroristica

Il sindaco della città: individuato furgone spagnolo carico di bombole di gas, fermato il conducente

Usa, lascia inviato per la scienza: "Trump nuoce al Paese"

Usa, lascia inviato per la scienza: "Trump nuoce al Paese"

Daniel Kammen contro ambigua condanna dei suprematisti bianchi a Charlottesville

Barcellona, trovato 2° covo: all'interno ricevute per 500 litri acetone

Barcellona, trovato secondo covo con scontrini per 500 litri acetone

E' una delle basi per fabbricare il perossido di acetone utilizzato dall'Isis