Mercoledì 08 Marzo 2017 - 08:45

Da Hawaii primo ricorso contro nuovo travel ban di Trump

Chiederanno una sospensione di emergenza dell'ordine esecutivo

Usa, da Hawaii primo ricorso contro nuovo travel ban di Trump

 È lo Stato Usa delle Hawaii il primo a muoversi per le vie legali contro la nuova versione del 'travel ban', firmata da Donald Trump lunedì. Le Hawaii hanno annunciato infatti che chiederanno a una Corte federale una sospensione di emergenza dell'ordine esecutivo. Il nuovo decreto emesso lunedì, che sostituisce il primo 'travel ban' firmato da Trump il 27 gennaio e che era stato bloccato nei tribunali, mantiene il divieto di ingresso di 90 giorni negli Usa per i cittadini di alcuni Paesi a maggioranza musulmana, ma questi Paesi scendono da sette a sei (viene infatti escluso l'Iraq e restano Iran, Libia, Siria, Somalia, Sudan e Yemen) e la restrizione non si applica ai possessori di green card. Tuttavia secondo Neal Katyal, uno dei principali avvocati per lo Stato delle Hawaii, il nuovo 'travel ban' "soffre ancora degli stessi difetti costituzionali e legali" della precedente versione. Il nuovo provvedimento dovrebbe entrare in vigore il 16 marzo.

Fonte Reuters-Traduzione LaPresse
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Papa Francesco in Perù

Pedofilia, O'Malley critica il Papa: "Addolora sua difesa di Barros"

Il cardinale di Boston presidente della commissione della Santa sede contro gli abusi sui minori prende le distanze da Bergoglio

Repubblica Ceca, incendio in hotel in centro Praga: 2 morti, 7 feriti

Tre sono in gravi condizioni. Il fuoco è stato domato dopo due ore

Kabul, talebani rivendicano attacco all'hotel Intercontinental: almeno 6 morti

La polizia ha ucciso i quattro uomini armati del commando aveva preso d'assalto la struttura

Continua il viaggio di Papa Francesco in Perù

Perù, Papa da alluvionati Niño: "Proteggetevi anche da tempesta sicariato"

Francesco richiama all'unità: mani tese e compassione, perché "ci sono cose che non si improvvisano e tanto meno si comprano"