Giovedì 13 Giugno 2013 - 10:45

Usa, Colorado in fiamme: 8mila evacuati, oltre 90 case distrutte

IMG

Colorado Springs (Colorado, Usa), 13 giu. (LaPresse/AP) - Colorado nella morsa delle fiamme per tre diversi incendi che si sono sviluppati nella zona di Colorado Springs. Uno dei tre roghi, a nordest della città, ha già costretto oltre settemila persone ad abbandonare le loro case e ha distrutto 92 abitazioni danneggiandone altre cinque. Il secondo incendio si è sviluppato a sud della città e ha costretto all'evacuazione di 250 persone, distruggendo 20 edifici. Circa mille detenuti di un carcere di media sicurezza sono stati inoltre trasferiti. A nord, infine, un altro incendio sta bruciando all'interno del parco nazionale delle Montagne rocciose. Il fuoco è alimentato dalle alte temperature, dalle forti folate di vento e dall'ampia presenza di legno secco nelle foreste colpite dalle fiamme. Altri incendi sono stati segnalati in New Mexico, Oregon e California, dove è morto uno smokejumper, un tipo di pompiere che lavora paracadutandosi nelle zone dei roghi quando questi divampano in aree particolarmente remote e sono ancora sufficientemente piccoli.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Catalogna, Puigdemont: "Il peggior attacco dalla dittatura di Franco"

Dura la reazione del governatore dopo il commissariamento della regione

Repubblica Ceca verso destra: vince Babis, il 'Trump di Praga'

Repubblica Ceca verso destra: vince Babis, il 'Trump di Praga'

Avanza il partito xenofobo Spd che vuole uscire dall'Ue, crollano i socialdemocratici del Cssd

Barcellona, in migliaia manifestano contro il governo

Catalogna, Rajoy destituisce Puigdemont. In 450mila scendono in piazza a Barcellona

Il governo di Madrid applica l'articolo 155 della Costituzione: ora la palla passa al Senato

Trump annuncia: "Divulgherò documenti segreti su John F. Kennedy"

Trump annuncia: "Divulgherò documenti segreti su John F. Kennedy"

Poche ore fa il sito Politico citava fonti ufficiali secondo cui il presidente aveva in programma di bloccare la pubblicazione, ma il nuovo tweet smentisce questa versione