Sabato 17 Giugno 2017 - 08:30

Cacciatorpediniere Usa contro nave container: sette dispersi

Lo scontro è avvenuto nel Mar del Giappone, a sudest di Yokosuka. Coinvolti dei marinai

Usa, collisione fra cacciatorpediniere e nave container: 7 dispersi

Sette persone, tutti marinai, risultano disperse dopo una collisione avvenuta nel mar del Giappone fra il cacciatorpediniere della marina americana Fitzgerald ed una nave porta container battente bandiera delle Filippine. Lo riportano i media locali. La collisione è avvenuta alle 2.30 ora locale a circa 100 kilometri a sudest di Yokosuka. Nessuna delle due imbarcazioni, secondo quanto riportano i media locali, è a rischio di affondare. Sul posto è intervenuta anche la guardia costiera nipponica con un elicottere. L'impatto, che ha coinvolto la Uss Fitzgerald, è avvenuto a 56 miglia nautiche dalla costa giapponese, fa sapere la Marina Usa.
Fra i due feriti evacuati in elicottero c'è anche Bryce Beson, capitano del cacciatorpediniere. Lo rende noto la Uss Navy che allo stesso tempo conferma come siano in corso le ricerche dei sette dispersi. Il comandante della flotta Usa nel Pacifico, Adam Swift, ha spiegato che attualmente la priorità è "la messa in sicurezza della nave e dei marinai".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Papa Francesco in Perù

Pedofilia, O'Malley critica il Papa: "Addolora sua difesa di Barros"

Il cardinale di Boston presidente della commissione della Santa sede contro gli abusi sui minori prende le distanze da Bergoglio

Repubblica Ceca, incendio in hotel in centro Praga: 2 morti, 7 feriti

Tre sono in gravi condizioni. Il fuoco è stato domato dopo due ore

Afghanistan, attacco all'hotel Intercontinental di Kabul: ostaggi e vittime

Un commando di 4 uomini armati ha preso d'assalto la struttura, due sono stati neutralizzato. Il quarto piano è in fiamme

Continua il viaggio di Papa Francesco in Perù

Perù, Papa da alluvionati Niño: "Proteggetevi anche da tempesta sicariato"

Francesco richiama all'unità: mani tese e compassione, perché "ci sono cose che non si improvvisano e tanto meno si comprano"