Lunedì 12 Settembre 2016 - 20:15

Usa, Clinton ha la polmonite. Trump: E' questione elettorale

La campagna della candidata democratica ha ammesso di aver fatto qualche errore di comunicazione dopo il malore

Usa, Clinton ha polmonite. Trump: E' questione elettorale

Hillary Clinton "non ha altri problemi di salute al di là della polmonite". Lo assicura il portavoce della della candidata democratica Brian Fallon alla catena Msnbc.  

La campagna di Clinton ha ammesso di aver fatto qualche errore di comunicazione dopo il malore che ha colpito Hillary durante la cerimonia a Ground Zero per l'11 settembre ieri mattina. "Avremmo potuto fare di meglio", ha scritto sul proprio account Twitter, Jennifer Palmieri, capo del settore della comunicazione della candidata democratica. "Ma è un fatto - aggiunge Palmieri - che il pubblico sappia di HRC (Hillary Rodham Clinton, ndr) più che di qualsiasi altro candidato della storia". In un tweet successivo, Palmieri sottolinea la differenza tra Clinton e il candidato repubblicano Donald Trump, affermando che "Al contrario di HRC, Trump è  stato meno trasparente di qualsiasi altro candidato nella storia moderna".  

E lo sfidante repubblicano Donald Trump, finora rimasto silente sulla polmonite della candidata democratica, si è espresso oggi augurandosi che Clinton guarisca presto, ma sottolineando come la salute sia a sua parere una questione importante per la campagna elettorale. Tanto che ha annunciato che presto diffonderà informazioni dettagliate sul proprio stato di salute.

Hillary Clinton riprenderà la campagna elettorale questa settimana. Lo ha annunciato il suo portavoce, Brina Fallon alla catena Msnbc, precisando che ulteriori documenti sanitari sullo stato di salute della candidata democratica alla Casa Bianca saranno resi pubblici nei prossimi giorni.

Il Wall Street Journal ha dedicato un duro editoriale contro la candidata democratica spiegando perchè, dopo le sue dichiarazioni contro i sostenitori del rivale Donald Trump, potrebbe perdere le elezioni. "I democratici sono talmente convinti che Trump sia una minaccia da non poter riconoscere che Clinton sia inaccettabile allo stesso modo per la maggioranza del Paese", sostiene il quotidiano. Per il Wall Street Journal, "si può dire" che i commenti di Clinton, che ha definito "deplorevole" la metà dei sostenitori di Trump, sono peggio di quelli del 2012 dell'allora candidato presidenziale repubblicano, Mitt Romney, contro il "47 per cento" dei cittadini che non avrebbero mai votato per lui perché "dipendenti del governo".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Manchester, morti due polacchi che risultavano dispersi

Manchester, morti due polacchi che risultavano dispersi

Lo ha reso noto il ministro degli esteri della Polonia Witold Waszczykowski

Manchester, governo alza livello allerta: timore altri attacchi. Attentatore è 23enne Salman Abedi, 22 i morti

Manchester, il governo alza allerta. Killer tornato da Libia

Lo Stato islamico rivendica. La cantante Ariana Grande sospende il tour / FOTO-VIDEO

Manchester, strage al concerto di Ariana Grande: 22 morti. Attentatore è 23enne Salman Abedi, britannico di origini libiche

Manchester, strage al concerto di Ariana Grande: 22 morti. Attentatore è 23enne Salman Abedi, britannico di origini libiche FOTO/VIDEO

Rivendicazione dello Stato Islamico. Kamikaze figlio di rifugiati fuggiti da Gheddafi. May alza livello di allerta: Rischio imminente. E la cantante sospende il tour /FOTO-VIDEO

Venezuela, confermata quinta vittima negli scontri a Barinas

Venezuela, confermata quinta vittima negli scontri a Barinas

Le proteste di ieri a Barinas, Stato del defunto presidente venezuelano Hugo Chavez, sono diventate violente e hanno avuto come conseguenza cinque persone morte, otto feriti e diversi negozi saccheggiati.