Giovedì 02 Marzo 2017 - 17:30

Usa, bufera su Sessions: incontri segreti con ambasciatore russo

I democratici in Senato ne chiedono le dimissioni e invocano un indagine per valutare legami tra Trump e Mosca

Usa, bufera su ministro Giustizia Sessions: incontri segreti con ambasciatore russo

Il ministro della Giustizia degli Stati Uniti, Jeff Sessions, incontrò due volte l'ambasciatore russo a Washington, Sergey Kislyak, durante la campagna per le elezioni presidenziali del suo Paese. Riunioni di cui non rivelò l'esistenza nella sua audizione di conferma al Senato. Ne ha dato notizia il Washington Post, citando una fonte del dipartimento di Giustizia confermata da un portavoce dell'attorney general stesso.Gli incontri tra Sessions e l'ambasciatore russo avvennero nei mesi di giugno e settembre, mesi prima delle elezioni dell'8 novembre vinte dall'attuale presidente Donald Trump, e nel mezzo di una bufera politica legata alle presunte ingerenze del Cremlino con attacchi informatici. Sessions era allora membro della commissione Servizi armati del Senato e considerava i contatti con Kislyak e altri ambasciatori a Washington come una parte del suo lavoro di deputato e di membro della campagna elettorale di Trump, ha dichiarato la sua portavoce.

Tuttavia, il Washington Post fa sapere di aver contattato gli altri 25 membri della commissione per verificare se avessero avuto contatti con l'ambasciatore russo: venti di essi hanno risposto alla loro domanda e tutti hanno dichiarato di non averne avuti. La portavoce di Sessions ha inoltre dichiarato che Sessions non ha "ingannato", nella sua audizione al Senato.

LA REPLICA DI SESSIONS. "Nel caso fosse opportuno - ha dichiarato Sessions mi ricuserò, non c'è dubbio in proposito", in eventuali indagini su presunti legami tra rappresentanti del presidente Donald Trump e intermediari del governo russo. "Non ho mai incontrato alcun russo per discutere nessuna campagna politica", ha detto ancora Sessions, "e quelle affermazioni sono incredibili per me e sono false. Non ho null'altro da dire sull'argomento", facendo riferimento alle rivelazioni del Washington Post, secondo cui incontrò per due volte l'ambasciatore russo Sergej Kisljak prima delle elezioni presidenziali, per discutere della campagna di Trump, senza dichiararlo poi durante la sua audizione di conferma al Senato.

DEMOCRATICI: SI DIMETTA. La leader democratica alla Camera degli Stati Uniti, Nancy Pelosi, ha chiesto le dimissioni del ministro della Giustizia Sessions, dopo che è emerso che questi non ha rivelato di aver incontrato per due volte l'ambasciatore russo prima che Donald Trump diventasse presidente. Pelosi ha inoltre chiesto che sia avviata una indagine bipartisan per valutare i possibili legami di Trump con i russi. "Sessions non è adatto a servire come massimo ufficiale della Giustizia nel nostro Paese, deve dimettersi", ha affermato Pelosi. Citando fonti del dipartimento di Giustizia, il Washington Post ha rivelato che l'attorney general vide l'ambasciatore Sergey Kislyak, durante la campagna elettorale verso l'8 novembre.

I LEADER DEMOCRATICI IN SENATO.  Anche il leader della minoranza democratica al Senato Usa, Chuck Schumer, chiede le dimissioni dell'attorney general per non avere rivelato al Congresso i suoi contatti con l'ambasciatore russo Sergey Kislyak  avuti durante la campagna elettorale in vista delle presidenziali negli Stati Uniti. "L'attorney General Jeff Sessions ha avuto settimane per correggere la dichiarazione che aveva fatto davanti alla Commissione giustizia ma l'ha lasciata per com'era", ha detto Schumer in conferenza stampa.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Caso "Sacco e Vanzetti"

Giustiziati a Boston due immigrati: Sacco e Vanzetti 90 anni dopo

Condannati per una rapina mai compiuta mentre manifestazioni in tutto il mondo chiedevano la loro scarcerazione

"Islam religione di pace... eterna". Charlie Hebdo nella bufera

La copertina del settimanale accende le polemiche per l'ironia sull'attentato a Barcellona

Balla la Macarena per strada: 14enne arrestato in Arabia Saudita

Il video mentre attraversa la strada al passo di danza è diventato virale dopo un anno scatenando la reazione della polizia saudita

Violenti scontri nella notte dopo la visita di Trump a Phoenix

"Charlottesville, media disonesti". Scontri a convegno Trump

Il presidente americano parla anche di Messico e Corea del Nord. Spary urticanti sui manifestanti anti-Trump