Mercoledì 02 Novembre 2016 - 18:15

Usa, a fuoco chiesa afroamericana: sulle pareti 'Vota Trump'

L'edificio alle fiamme a Greenville in Mississipi

Usa, bruciata chiesa afroamericana: sulle pareti 'Vota Trump'

Una chiesa frequentata da afroamericani è stata data alle fiamme a Greenville, in Mississippi, e sulle pareti è stato scritto con le bombolette 'Vota Trump'. È quanto riferiscono fonti ufficiali, aggiungendo che l'Fbi sta indagando sull'accaduto, che giunge a solo una settimana dalle elezioni presidenziali. Il capo dei vigili del fuoco di Greenville, Ruben Brown Sr., in un'intervista telefonica ha riferito che non ci sono feriti e le cause dell'incendio non sono state accertate. La chiesa in questione è la Hopewell M.B. Church.

Le chiese afroamericane sono da tempo base del sostegno al Partito democratico. Greenville, circa 33mila abitanti, si trova circa 160 chilometri a nordovest di Jackson. "L'ufficio dell'Fbi di Jackson è consapevole della situazione a Greenville e stiamo lavorando con i nostri partner locali, dello Stato e federali per accertare se sia stato commesso un crimine contro i diritti civili", ha riferito il Bureau in una nota.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Francia, Sarkozy vota per Macron. Melenchon non rivela scelta

Francia, Sarkozy vota per Macron. Melenchon non rivela scelta

Hollande, si è rivolto ai ministri chiedendo loro di "impegnarsi appieno" per infliggere la più pesante sconfitta possibile a Marine Le Pen

Nel 2016 raddoppiate in Ue le concessioni asilo a migranti

Nel 2016 raddoppiate in Ue le concessioni di asilo ai migranti

Il numero più alto di concessioni è stato registrato in Germania

Lee Charnley con il proprietario del Newcastle Mike Ashley

Frode fiscale nel calcio inglese: arrestato manager del Newcastle

Perquisite la sede dei Magpies e quella dei londinesi del West Ham

Turchia, nella notte 800 arresti tra i sostenitori di Gulen

Turchia, 3224 mandati di arresto per sostenitori di Gulem

Oltre mille persone sono già state arrestate