Mercoledì 05 Luglio 2017 - 07:00

Usa sul missile nordcoreano: "Grave escalation della minaccia"

Il lancio ha dimostrato che Pyongyang potrebbe arrivare a colpire il territorio Usa. Oggi il Consiglio di Sicurezza Onu

Nazioni Unite, riunione del Consiglio di sicurezza su situazione in Corea del Nord

"Una nuova escalation della minaccia coreana". Così il segretario di Stato Usa, Rex Tillerson ha definito il test missilistico della Corea del Nord. Una minaccia arrivata proprio nel giorno dell'Indipendenza. Il missile intercontinentale (ICBM) lanciato ieri dal regime di Pyonyang verso il Mar del Giappone, è un Hwasong-14, ha percorso  933 chilometri e ha raggiunto un'altitudine di quasi tremila metri. Il volo è durato 39 minuti. Ma secondo gli esperti, l'esercitazione ha dimostrato che il vettore coreano sarebbe in grado di fare molta più strada: oltre 8.000 chilometri e arrivare a colpire (con una testata nucleare) un territorio americano, per esempio l'Alaska. Secondo i tecnici più accreditati della materia, il test è stato "un successo al di là delle aspettative e "non ci vorrà più di un anno o due per arrivare a una capacità operativa minima" sufficiente a lanciare una testata nucleare.

Immediata è partita la pressione diplomatica di Washington. "Tutti i Paesi - ha detto Tillerson - dovrebbero dimostrare pubblicamente alla Corea del Nord che ci saranno conseguenze al loro tentativo di raggiungere la possibilità di utilizzare testate nucleari".  Gli Stati Uniti, dunque, chiedono "Un'azione globale" contro i comportamenti di Pyongyang. Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite (attualmente presieduto dalla Cina) si riunirà oggi pomeriggio alle 15 (ora di New York, 21 italiane) per affrontare il tema su sollecitazione di Stati Uniti, Corea del Sud e Giappone.

Dalla Casa Bianca arriva anche l'avviso che "tutte le opzioni, compresa quella militare, sono sul tavolo. Ovviamente, l'amministrazione Trump fa sapere che preferirebbe l'opzione diplomatica e un'applicazione seria delle sanzioni già decise contro la Corea del Nord. Il presidente Truimp  ha fatto sapere che la Cina dovrebbe fare più pressione sulla Corea del Nord e che gli Stati Uniti "stanno perdendo la pazienza". Trump, Putin  e il presidente cinese Xi Jinping ne parleranno certamente durante il G20 in programma questa settimana a Berlino.

Stati Uniti e Corea del Sud hanno messo in campo anche una piccola risposta sul campo. Dalle unità missilistiche sud coreane e degli Usa in Corea del Sud sono stati lanciati alcuni missili nell'East Sea, come esercitazione congiunta di avvertimento. Lo hanno fatto sapere i South Korea's Joint Chiefs of Staff (JCS) in un comunicato.

Gli americani sono rimasti particolarmente scossi per questo esperimento (il quinto della serie sui missili intercontinentali ICBM. Sia perché arrivato il 4 luglio (giorno dell'Indipendenza), sia perché, per la prima volta, gli esperti hanno sentenziato che la minaccia (in termini di distanza raggiungibile da eventuali testate nucleari coreane) si fa più serie. Sia anche per il modo in cui il leader coreano Kim Jong-Un ha anunciato il lancio: "...Con un largo sorriso sul volto ha detto militari e scienziati riuniti che c'era un pacchetto di doni per gli Usa nel giorno dell'Indipendenza".

A proposito di giorno dell'Indipendenza, c'è da sottolineare la "gaffe" dell'ambasciatore Usa all'Onu Nikki Haley che ha twittato lamentandosi di aver dovuto passare il 4 luglio in continue riunioni per colpa dei nordcoreani. Sul web molti le hanno fatto notare che questo è il suo mestiere e che non dovrebbe aspettarsi altro per i prossimi anni.

 

 

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Spagna, la policia nacional lascia le città catalane

Barcellona, 34enne italiano morto accoltellato durante una rissa

È deceduto in ospedale, dove era arrivato in stato critico

Isabell e Preble: morire insieme dopo 71 anni di matrimonio

Una storia americana: si sposarono nel 1946, hanno vissuto sempre vicini e se ne sono andati a poche ore di distanza l'uno dall'altra

The Argentine military submarine ARA San Juan and crew are seen leaving the port of Buenos Aires

Sottomarino scomparso: ci fu esplosione in zona ultimo segnale

Un "rumore" era stato registrato circa tre ore dopo l'ultima comunicazione avuta con il mezzo disperso dal 15 novembre

Ratko Mladic

Chi è Ratko Mladic: 'macellaio' di Srebrenica e assedio Sarajevo

L'ex generale è stato condannato per genocidio e crimini contro l'umanità