Domenica 19 Giugno 2016 - 22:30

Usa 2016, Trump: Vincerò anche senza l'appoggio del partito

Secondo indiscrezioni, i repubblicani starebbero cercando di escludere il magnate dalla nomination

Usa 2016, Trump: Vincerò anche senza l'appoggio del partito

Il prossimo candidato repubblicano alle presidenziali statunitensi, Donald Trump, ritiene di poter diventare presidente anche senza l'appoggio del suo partito, dopo che sono state diffuse notizie di una campagna interna per 'eliminarlo' nella convention del prossimo mese. "Sarebbe molto bello se i repubblicani restassero uniti", ha detto in una intervista a Nbc News, ma si è definito un "candidato diverso" da quelli che di solito hanno rappresentato il Gop, Grand old party. "Penso di poter vincere in un modo o nell'altro. Vincerò le primarie senza di loro. Vengo da fuori e vincerò le primarie", ha aggiunto quando gli è stata presentata l'ipotesi di perdere l'appoggio del nucleo del partito. Ha poi definito "illegale" il presunto piano del suo partito per impedirgli di ottenere la nomination, aggiungendo che è una informazione "falsa" e "inventata dalla stampa".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Polizia di New York: "Esplosione a Manhattan, origine sconosciuta"

Si è verificata tra la 42esima strada e la 8th Avenue. Evacuate le linee metro. Secondo i media ci sarebbero feriti e un arrestato

Russian President Vladimir Putin addresses officials of Rostec high-technology state corporation at the Novo-Ogaryovo state residence outside Moscow

Putin ordina il ritiro delle truppe russe dalla Siria

Il presidente ha avuto un colloquio a sorpresa con il suo omologo siriano Bashar al-Assad

Saudi Arabia's King Salman bin Abdulaziz Al Saud presides over a cabinet meeting in Riyadh

Nuova svolta in Arabia Saudita: riaprono i cinema dopo 35 anni

Dopo le donne alla guida, il re Salman decide di riaprire le sale cinematografiche vietate dagli anni '80

Ue-Israele, Mogherini riceve Netanyahu

Gerusalemme, Netanyahu: "È capitale Israele, anche Paesi Ue lo riconosceranno"

Il premier israeliano parla di fronte all'Unione Europea insieme all'alto rappresentante per gli Affari esteri Federica Mogherini