Venerdì 09 Dicembre 2016 - 10:00

Usa 2016, Trump sceglie re dei fast food come ministro del Lavoro

Andy Puzder, ceo delle catene CKE e Carl's Junior y Hardee's, si è recentemente opposto all'aumento del salario minimo

Usa 2016, Trump sceglie re dei fast food come ministro del Lavoro

Il presidente eletto degli Stati Uniti, Donald Trump, ha scelto l'imprenditore Andy Puzder come prossimo segretario al Lavoro, incaricandolo di conseguire per i lavoratori posti più sicuri e maggiore benessere. Lo conferma lo stesso Trump. Puzder è ceo delle catene di fast food CKE e Carl's Junior y Hardee's, e ultimamente si è distinto per essersi opposto all'aumento del salario minimo a livello federale a 15 dollari all'ora, dai 9 attuali. Il comunicato ufficiale della squadra di transizione di Trump sottolinea che il percorso di Puzder, per la sua "lunga storia di lotta in favore dei lavoratori, lo rende il candidato ideale" per questo posto. "Andy lotterà perché i lavoratori statunitensi siano più sicuri e più benestanti mediante l'applicazione di norme giuste di sicurezza occupazionale e garantendo che i lavoratori ricevano i benefici che meritano", si legge nella nota, che aggiunge anche che fra i compiti di Puzder ci sarà quello di salvare le "piccole imprese dal tremendo carico di regolamenti non necessari che stanno pregiudicando la crescita dell'occupazione e stanno facendo calare i salari". CKE, il gruppo che Puzder guida dal 2000, ha 3.750 ristoranti negli Stati Uniti e nel resto del mondo, con 75mila dipendenti.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Thailandia, italiano ucciso e smembrato: si cerca la ex moglie

Il 61enne trovato nei cespugli vicino a un bacino d'acqua. I sospettati sono la donna e il suo fidanzato francese e il movente potrebbe essere passionale

Catalogna, Puigdemont è a Copenaghen: rischia l'arresto

La procura spagnola chiede mandato arresto Ue per l'ex governatore

Germania, Spd in congresso straordinario a Bonn

Germania, da Spd sì a coalizione con Merkel. Schulz: "Abbiamo lottato per maggioranza"

Luce verde ai negoziati formali per formare una Grosse Koalition con i conservatori: 362 favorevoli e 279 contrari