Mercoledì 30 Novembre 2016 - 13:15

Trump promette: Anche se non obbligato lascerò le aziende

Il magnate farà l'annuncio ufficiale il 15 dicembre

Usa 2016, Trump promette: Anche se non sono obbligato, lascerò tutte le aziende

"Terrò una importante conferenza stampa a New York City con i miei figli il 15 dicembre per parlare del fatto che lascerò totalmente le mie grandi aziende per concentrarmi pienamente sulla guida del Paese, per rendere di nuovo grande l'America". Lo annuncia su Twitter il presidente eletto degli Usa Donald Trump. "Anche se non ho l'obbligo di farlo per legge - spiega il magnate - sento che sia importante, da presidente, non avere in alcun modo un conflitto di interessi con le mie varie aziende". Le anologie, seppur su tutt'altra scala, con la situazione italiana sono evidenti: per anni il conflitto di interessi è stato un cavallo di battaglia contro l'ex premier Silvio Berlusconi. I legami del tycoon con il sistema economico-finanziario non sono un mistero, e il neo presidente, secondo l'Nbc, starebbe considerando l'ex banchiere e investitore miliardario Wilbur Ross per la carica di nuovo segretario al Commercio degli Stati Uniti nella futura amministrazione Trump.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Obama incontra Trump nello Studio Ovale della Casa Bianca

Telefonata Trump-Taiwan: Cina furiosa, interviene Obama

E' il primo contatto a questi livelli dal 1979

Austria vota per le presidenziali: test su populismo in Ue

Austria vota per le presidenziali: test su populismo in Ue

Urne aperte domenica per ripetere le elezioni, sfida Hofer-Van der Bellen

Chi è 'Cane pazzo': Mattis, il generale che guiderà il Pentagono

Chi è 'Cane pazzo': il generale che guiderà Pentagono

Per Trump è il personaggio che più si avvicina al generale George Patton

Francia, l'annuncio di Hollande: Nell'interesse del Paese non mi ricandido a presidenziali

Francia, annuncio di Hollande: Non mi ricandido a presidenziali

"Come socialista non posso accettare la dispersione della sinistra". I sondaggi preferiscono Valls