Venerdì 11 Novembre 2016 - 13:15

Sabina Guzzanti: Voto Trump di ribellione, Berlusconi un prototipo

Quella del tycoon è stata una vittoria contro l'establishment

Usa 2016, Sabina Guzzanti: Voto per Trump di ribellione, Berlusconi un prototipo

"Che potesse vincere Donald Trump? Qualcuno lo diceva, erano in pochi. Certo, sopra tutti Michael Moore, l'ho monitorato con grande attenzione in questo periodo". Documentarista, attrice, comica, maschera dai mille volti, Sabina Guzzanti non ha dubbi sull'esito del voto che ha portato il magnate alla Casa Bianca, ai danni di Hillary Clinton: "Si è trattato di un grande gesto di ribellione".

Per lei che conosce così bene Silvio Berlusconi, avendolo rappresentato molte volte, che affinità trova con Donald Trump?

Sicuramente Berlusconi è il prototipo di Trump. Anche se effettivamente l'aspetto di Trump che più ha affascinato i giovani, ossia la posizione contro la globalizzazione, non è un punto che Berlusconi condivide. A dire il vero, neanche l'odio razziale, erano altri tempi.

Che parere ha di questa campagna elettorale a tratti surreale, in cui Clinton è sembrata muoversi in un universo completamente distaccato dalla realtà? Un universo fatto di star e media, dell'appoggio della finanza internazionale. Ma poi, paradossalmente, a uscire vincitore è stato Trump, il miliardario, che ha saputo convincere, ispirare in qualche modo il cuore della gente vera...

Onestamente, persino io, sotto sotto, sono un pochino soddisfatta di questa vittoria di Trump, per il semplice fatto che è una vittoria contro l'establishment. Benché penso che non manterrà tutte le promesse fatte, sicuramente Trump ha emozionato più di Hillary Clinton. Ma prima, durante le primarie, era stato Bernie Sanders quello che aveva emozionato davvero. Consideriamo poi il gesto del Partito democratico di voler imporre al proprio elettorato un candidato che comunque non piaceva e che si sapeva che non avrebbe vinto. Clinton aveva già perso alle primarie contro Obama quattro anni prima. È prepotente lei come personaggio ed è stata prepotente l'imposizione di lei come candidato.

Durante la campagna però sono stati pochi coloro che hanno avuto il coraggio di evidenziare i difetti della candidata democratica, le sue contraddizioni. Tra questi l'attrice Susan Sarandon che si è scagliata contro entrambi i candidati. Alcune settimane prima delle elezioni, a prevederne l'esito con esattezza era stato il regista Michael Moore, che nel 'day after' ha chiesto alla gente di non essere scioccata ma di uscire dalla 'bolla' e di tornare a dare attenzione agli americani e alla loro disperazione. Come si profila il futuro con Trump?

Come dice Michael Moore, questo voto è stato sicuramente un grande gesto di ribellione. Senza dubbio però un gesto pericoloso, perché non promette bene. Trump non sembra una persona dotata della struttura mentale in grado di resistere a qualsiasi tipo di pressione, mi sembra completamente inadeguato. Anche quel poco di interessante che ci può essere nelle sue proposte, come ristabilire il protezionismo, difficilmente riuscirà a mantenerlo.

Per una donna di satira come lei, Trump è un personaggio più appetibile di Clinton...

Sicuramente ha tanti elementi ridicoli, esagerati, furbi, è abbastanza caratterizzato. Penso che gli americani da questo punto di vista si divertiranno, ma noi che abbiamo fatto questa esperienza sappiamo che è una magra consolazione.
 

Scritto da 
  • Ilaria Leccardi
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Grande successo per Leggo F perché…: oltre 600 mail in redazione

Grande successo per Leggo F perché: oltre 600 mail in redazione

Per tutta l'estate il settimanale continuerà a dar voce alle proprie lettrici pubblicando le lettere più interessanti

Musica, I-Days: in 80mila per Linkin Park e Blink, stasera tocca a Bieber

Musica, I-Days: in 80mila per Linkin Park e Blink, stasera tocca a Bieber

Al Parco di Monza boom per la tre giorni di concerti. Si chiude con la superstar canadese

Musica, i media Usa rivelano: Beyoncé di nuovo mamma, nati due gemelli

Beyoncé è di nuovo mamma: nati i due gemellini avuti con Jay-Z

A Los Angeles la pop star ha partorito un maschietto e una femminuccia

Il cinema piange John Avildsen: fu regista di Rocky e Karate Kid

Addio al regista americano Avildsen: ha diretto Rocky e Karate Kid

E' deceduto per un cancro al pancreas a 81 anni in un ospedale di Los Angeles, in California. Ha vinto l'Oscar