Domenica 16 Ottobre 2016 - 14:15

Usa, Putin: Russia non cerca scontro, non interferiamo in voto

Il presidente russo: Sappiamo che gli Usa controllano e spiano tutti

Usa 2016, Putin: Russia non cerca scontro, non interferiamo in voto

La Russia non cerca lo scontro con gli Stati Uniti e non sta cercando di influenzare le elezioni presidenziali americane di novembre. Lo ha dichiarato il presidente russo, Vladimir Putin. Ha aggiunto di sperare che ci sia la possibilità di migliorare le relazioni bilaterali tra Mosca e Washington, dopo le presidenziali. "Che tutti si calmino, non interferiremo con il corso di questa campagna elettorale", ha affermato secondo quanto riportato dalle agenzie russe.
 

"Dai nostri amici americani ci si può attendere qualsiasi cosa", ha dichiarato poi Putin, parlando ai media a Goa, in India, dove ha preso parte al vertice dei Paesi Brics. Il presindete russo si riferiva alle minacce di un attacco informatico contro la Russia da parte di Washington, che la Cia starebbe preparando secondo le notizie diffuse ieri da Nbc. "Non c'è nulla di nuovo, sappiamo che gli Usa controllano e spiano tutti", ha aggiunto Putin. "La Nsa viola la legge, ma i servizi di sicurezza russi la rispettano", ha detto parlando della National Security Agency statunitense.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Usa, barricato nel market di Hollywood uccide una donna: bloccato

Prima ha sparato alla nonna e alla fidanzata: durante la fuga si è rifugiato nel supermercato prendendo in ostaggio diverse persone. Alla fine si è arreso

TOPSHOT-LIBYA-EU-MIGRANTS-RESCUE

Migranti, Open Arms accusa Libia e Italia. Viminale: "Bugie, li denunciamo"

La nave sbarca in Spagna con a bordo i cadaveri della donna e del bimbo recuperati a largo delle coste della Libia e Josepha, unica sopravvissuta al naufragio

Striscia di Gaza, tensioni e scontri tra palestinesi ed esercito israeliano

Tregua tra Hamas e Israele dopo l'ultimo scontro a fuoco nella Striscia di Gaza

Raggiunto un accordo dopo l'uccisione di un soldato dello Stato ebraico e quattro palestinesi