Domenica 06 Novembre 2016 - 09:15

Usa 2016, paura a comizio Trump: agenti sul palco, un arresto

Un falso allarme: qualcuno aveva urlato la parola 'arma'

Donald Trump a Reno

Agenti del Secret service hanno interrotto un comizio di Donald Trump a Reno, in Nevada, trascinandolo via dal palco, mentre una persona è stata arrestata. La minaccia si è poi rivelata un falso allarme. Il candidato repubblicano ha interrotto il suo discorso all'accorgersi che qualcosa stava accadendo tra il pubblico, quando gli agenti sono saliti sul palco e lo hanno portato via. Parte del pubblico è scappata in direzione opposta al palco, mentre altre persone hanno formato un cerchio attorno a un uomo, poi arrestato dagli agenti.

Fonti del dipartimento di sicurezza hanno dichiarato ad Abc che l'arrestato non era armato e che il panico è derivato dal fatto che ha tentato di sollevare un cartello e che qualcuno ha urlato la parola "arma". Questo ha causato l'intervento degli agenti, alcuni in tenuta antisommossa. Dopo una decina di minuti, il magnate è tornato sul palco e ha proseguito il suo discorso, sottolineando: "Nessuno ha detto che per noi sarebbe stato facile, ma non ci fermeranno".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Portavoce Ue: "Blecua? Accuse infondate, selezionato in base a procedure"

I media internazionali sollevano dubbi sulla provenienza dei fondi usati dal capo della delegazione Ue in iraq per l'acquisto di una lussuosa residenza storica nel centro di Bruxelles

THAILAND-ACCIDENT-WEATHER-CHILDREN-CAVE

Thailandia, dimessi i 12 ragazzi. E per la prima volta raccontano: "È stato un miracolo"

I 'cinghialotti' hanno parlato per la prima volta con la stampa, prima di tornare a casa

TOPSHOT-SPAIN-MIGRANTS-EU-PROACTIVA-OPEN-ARMS

Migranti, naufragio al largo di Cipro: 19 morti, 30 dispersi

A bordo viaggiavano circa 150 persone e oltre 100 sono state salvate

Migranti, nave con 40 profughi a bordo bloccata al largo Tunisia | Video

Né la Tunisia, né l'Italia, né Malta accettano di aprire i loro porti ai profughi