Giovedì 20 Ottobre 2016 - 23:00

Usa, Obama: Voto truccato? Trump pericoloso, mina democrazia

"Direbbe qualsiasi bugia per voti, la sua leadership non serve al Paese"

Usa 2016, Obama: Voto truccato? Trump pericoloso, mina democrazia

 "Donald Trump farebbe qualsiasi cosa, direbbe qualsiasi cosa e fingerebbe in qualsiasi modo, pur di essere eletto" e "questa non è la leadership di cui abbiamo bisogno". Lo ha dichiarato il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, parlando a Miami in Florida, in un comizio a favore della candidata democratica alle presidenziali, Hillary Clinton.

"Far pensare alle frodi elettorali" come ha fatto il candidato repubblicano Donald Trump è, secondo Obama, qualcosa "su cui non si può scherzare. È pericoloso: mettere un seme del genere nella mente delle persone, mina la democrazia. La nostra democrazia dipende dal fatto che la gente sa che il suo voto conta, che la rappresentanza esiste". 

"Donald Trump non ha null'altro da offrire che rabbia, lamentele e accuse", "non ha tutto ciò che serve per fare questo lavoro" di presidente degli Stati Uniti. Obama ha descritto Hillary come una politica "con il carattere, la conoscenza, la fermezza per essere la prossima Commander-in-Chief".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Primi 100 giorni di Trump: 15mila protestano a Washington per clima

Primi 100 giorni di Trump: 15mila protestano a Washington per clima

La marcia è partita dal prato del Campidoglio, sede del Congresso Usa, ed è diretta verso la Casa Bianca

Brexit, Juncker: Difficile mantenere unità Ue, ma faremo di tutto

Brexit, Juncker: Difficile mantenere unità Ue, ma faremo di tutto

Oggi sono state approvate all'unanimità le linee guida Ue da seguire nel corso dei negoziati

Gentiloni alla riunione  a Bruxelles

Brexit, Ue approva all'unanimità linee guida per negoziato

Il presidente Tusk: Un mandato politico forte ed equo dei 27 è pronto per i colloqui

Wikipedia 15th anniversary

Turchia, Ankara blocca accesso a Wikipedia

Lo segnala un gruppo di monitoraggio delle attività online, Turkey Blocks. Ankara aveva già bloccato gli accessi a Twitter e Facebook