Giovedì 20 Ottobre 2016 - 23:00

Usa, Obama: Voto truccato? Trump pericoloso, mina democrazia

"Direbbe qualsiasi bugia per voti, la sua leadership non serve al Paese"

Usa 2016, Obama: Voto truccato? Trump pericoloso, mina democrazia

 "Donald Trump farebbe qualsiasi cosa, direbbe qualsiasi cosa e fingerebbe in qualsiasi modo, pur di essere eletto" e "questa non è la leadership di cui abbiamo bisogno". Lo ha dichiarato il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, parlando a Miami in Florida, in un comizio a favore della candidata democratica alle presidenziali, Hillary Clinton.

"Far pensare alle frodi elettorali" come ha fatto il candidato repubblicano Donald Trump è, secondo Obama, qualcosa "su cui non si può scherzare. È pericoloso: mettere un seme del genere nella mente delle persone, mina la democrazia. La nostra democrazia dipende dal fatto che la gente sa che il suo voto conta, che la rappresentanza esiste". 

"Donald Trump non ha null'altro da offrire che rabbia, lamentele e accuse", "non ha tutto ciò che serve per fare questo lavoro" di presidente degli Stati Uniti. Obama ha descritto Hillary come una politica "con il carattere, la conoscenza, la fermezza per essere la prossima Commander-in-Chief".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Obama incontra Trump nello Studio Ovale della Casa Bianca

Telefonata Trump-Taiwan: Cina furiosa, interviene Obama

E' il primo contatto a questi livelli dal 1979

Austria vota per le presidenziali: test su populismo in Ue

Austria vota per le presidenziali: test su populismo in Ue

Urne aperte domenica per ripetere le elezioni, sfida Hofer-Van der Bellen

Chi è 'Cane pazzo': Mattis, il generale che guiderà il Pentagono

Chi è 'Cane pazzo': il generale che guiderà Pentagono

Per Trump è il personaggio che più si avvicina al generale George Patton

Francia, l'annuncio di Hollande: Nell'interesse del Paese non mi ricandido a presidenziali

Francia, annuncio di Hollande: Non mi ricandido a presidenziali

"Come socialista non posso accettare la dispersione della sinistra". I sondaggi preferiscono Valls