Domenica 13 Novembre 2016 - 08:30

Michael Moore entra nella Trump Tower: Voglio parlarti

Agenti dei servizi segreti lo fermano e impediscono l'incontro

Michael Moore nella Trump Tower di New York

Il regista Michael Moore è entrato nella Trump Tower per cercare di parlare con il presidente neo eletto degli Stati Uniti d'America, il repubblicano Donald Trump, ma gli agenti dei servizi segreti lo hanno bloccato prima che accedesse agli uffici del tycoon. "Mr. Trump sono qui, voglio parlare con te", ha scritto il regista su un foglio consegnato al portiere del palazzo durante la protesta che ha avuto luogo sotto il grattacielo dell'imprenditore. Moore, premio Oscar per 'Bowling for Columbine', ha registrato la scena con il suo telefono cellulare e l'ha trasmessa in diretta su Facebook: è entrato nel palazzo ed è salito sulla scala mobile fino al quarto piano. Solo a quel punto gli agenti dei servizi segreti hanno fermato il regista impedendogli di proseguire oltre e accedere ai piani superiori dove Trump oggi ha incontrato i suoi consiglieri. Moore ha firmato insieme a centinaia di altri artisti e musicisti un manifesto dal titolo 'Uniti contro l'odio' per evitare che Donald Trump raggiungesse la Casa Bianca.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Papa Francesco a Puerto Maldonado per abbracciare gli indigeni

Il Papa contro la cultura machista: "Donne schiave di violenza senza fine"

Nell'incontro con gli indigeni del Perù Bergoglio denuncia una situazione non più tollerabile

Papa Francesco incontra i Popoli Amazzonia nel Coliseo in Perù

Papa dagli Indios in Perù: "Lotto con voi per salvare l'Amazzonia"

Francesco continua il suo viaggio in Sudamerica e incontra i nativi

Trump interviene via video alla marcia anti-aborto a Washington: è la prima volta

Si tratta della prima apparizione pubblica di un presidente alla manifestazione: Reagan e George W. Bush si erano collegati con il corteo ma solo per telefono

Isis, ucciso in Siria il rapper jihadista tedesco Deso Dogg

Nel 2014 la traduttrice dell'Fbi incaricata di controllarlo lo aveva raggiunto nel Paese per sposarlo