Domenica 13 Novembre 2016 - 08:30

Michael Moore entra nella Trump Tower: Voglio parlarti

Agenti dei servizi segreti lo fermano e impediscono l'incontro

Michael Moore nella Trump Tower di New York

Il regista Michael Moore è entrato nella Trump Tower per cercare di parlare con il presidente neo eletto degli Stati Uniti d'America, il repubblicano Donald Trump, ma gli agenti dei servizi segreti lo hanno bloccato prima che accedesse agli uffici del tycoon. "Mr. Trump sono qui, voglio parlare con te", ha scritto il regista su un foglio consegnato al portiere del palazzo durante la protesta che ha avuto luogo sotto il grattacielo dell'imprenditore. Moore, premio Oscar per 'Bowling for Columbine', ha registrato la scena con il suo telefono cellulare e l'ha trasmessa in diretta su Facebook: è entrato nel palazzo ed è salito sulla scala mobile fino al quarto piano. Solo a quel punto gli agenti dei servizi segreti hanno fermato il regista impedendogli di proseguire oltre e accedere ai piani superiori dove Trump oggi ha incontrato i suoi consiglieri. Moore ha firmato insieme a centinaia di altri artisti e musicisti un manifesto dal titolo 'Uniti contro l'odio' per evitare che Donald Trump raggiungesse la Casa Bianca.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Usa, Trump all'Iran: "Non minacciateci mai più, fate attenzione"

Il presidente americano su Twitter contro Rouhani che aveva avvertito gli Usa assicurando che un conflitto con Teheran sarebbe "la madre di tutte le guerre"

Paura a Toronto, sparatoria in strada: due morti e 13 feriti

Un uomo armato, freddato poi dalla polizia, ha aperto il fuoco nel quartiere greco uccidendo una donna. Tra i coinvolti anche un bambino

Russiagate, Trump al contrattacco: "Fbi spiava la mia campagna"

Per il presidente il Bureau teneva sotto controllo un suo consulente per avvantaggiare Hillary Clinton

La Proactiva Open Arms in azione al largo della Libia

Migranti, appello del Papa: "Basta tragedie". Open Arms non denuncia Italia

Per l'ong la guardia costiera libica è colpevole di omissione di soccorso e omicidio colposo in relazione alla morte di due migranti. Tripoli nega: "Solo calunnie"