Mercoledì 09 Novembre 2016 - 02:45

Usa 2016, l'ambasciatore americano: Florida straordinaria, sembra il 2000

"Vedere questi numeri che danzano avanti e indietro" e "la corsa straordinaria stretta" in Florida "fa tornare indietro al 2000"

Usa 2016, l'ambasciatore americano: Florida straordinaria, sembra il 2000

 "Vedere questi numeri che danzano avanti e indietro" e "la corsa straordinaria stretta" in Florida "fa tornare indietro al 2000", quando si rimase settimane ad aspettare per un risultato chiaro nel duello tra George W. Bush e Al Gore. Lo ha detto l'ambasciatore Usa in Italia, John Phillips. "La Florida è tutto", ha sottolineato il diplomatico, spiegando di non aspettarsi un risultato simile nel Sunshine State, e di non aspettarsi nemmeno la situazione dell'Ohio, dove invece la Clinton è in netto vantaggio mentre nelle ultime settimane Trump, lì, sembrava poter vincere.
 "Look at that", "guarda questo", ripete. Non riesce a trattenere la sorpresa. Fissa incredulo l'enorme schermo televisivo sintonizzato sulla Cnn che compare nella sala stampa allestita all'Excelsior, dove l'ambasciata americana ha organizzato la maratona elettorale.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Londra, ragazzo italiano ucciso a coltellate in casa

Londra, ragazzo italiano ucciso a coltellate in casa

Si tratta di Pietro Sanna, di origini sarde. Farnesina in contatto con la famiglia

Ambasciatore russo lascerà Usa: rientra a Mosca a fine estate

Ambasciatore russo lascerà Usa: rientra a Mosca a fine estate

Sarà sostituito dall'attuale vice ministro della Difesa russo Anatoly Antonov

Brexit, Barnier a May: Su diritti cittadini servono più garanzie

Brexit, Barnier a May: Su diritti cittadini servono più garanzie

"L'Unione europea vuole "più ambizione, chiarezza e garanzie"

La Corte suprema esaminerà 'muslim ban' di Trump: intanto entrano in vigore alcune parti

La Corte suprema dà parziale via libera al 'muslim ban'. Trump: E' chiara vittoria

Divieto di ingresso negli Usa a tutti i rifugiati per 120 giorni. Il decreto sarà esaminato a ottobre