Martedì 08 Novembre 2016 - 17:00

Usa 2016, Grillo: Clinton o Trump è fine del sogno americano

"Entrambi molto temibili per ciò che rappresentano e non per il potere che hanno"

Usa 2016, Grillo: Clinton o Trump è fine del sogno americano

"Hillary e Trump sono entrambi poco credibili, entrambi molto temibili per ciò che rappresentano e non per il potere che hanno. Il potere di un presidente negli Usa e di fare danni all'estero. Sul versante interno basta guardare Obama: non ha cambiato nulla. La terra delle opportunità si è trasformata gradualmente in un paese con oltre 2 milioni e mezzo di carcerati, milioni di poveri e illusioni sempre più scollate dalla realtà: spero che questa rissa elettorale non sia l'atto finale". Lo scrive sul suo blog Beppe Grillo in merito alle elezioni americane.

"Se uccidi la classe media in America non resta nulla, soltanto caos", aggiunge. "L'inesistenza del concetto di opposizione in America può portare a brutti sogni e realtà ancora peggiori. In Italia, se non fosse per noi, sarebbe lo stesso. È vero che gli americani sono avanti a noi: Berlusconi doppiato in un colpo solo", conclude Grillo.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Il "cavallo morente" simbolo della Rai in Viale Mazzini

Nomine Rai, Salini in pole per diventare ad. Più vicina intesa M5S-Lega

L'ex direttore di La7 è il più quotato per la nomina. A discuterne, per i Cinquestelle Spadafora con la supervisione di Davide Casaleggio. Per il Carroccio c'è Giorgetti

Matteo Renzi ospite a Porta a Porta

Pd, Renzi 'indisponibile' a confronto con Di Maio. Gentiloni e Zingaretti attesi a Ravenna

La festa dell'Unità si terrà in Emilia dal 24 agosto al 10 settembre. È già polemica sull'invito al vicepremier pentastellato

Governo, festa M5s. Grillo suona la campanella

Beppe Grillo compie 70 anni. M5S lo omaggia: "Paziente 0 che ha diffuso virus"

Il fondatore del blog scherza su Twitter: "Vi aspetto su Marte per il Movimento 6 Stelle! Siamo oltre!"

Audizione di Tito Boeri in Commissione Lavoro e Finanze congiunte

Dl dignità, M5s contro Boeri: "Non è un tecnico ma un politico, si dimetta"

Nel frattempo continua il pressing dei partiti per modificare il decreto Dignità, e filtra l'idea di un'intesa M5S-Lega per introdurre le norme attraverso un apposito periodo transitorio