Martedì 08 Novembre 2016 - 17:00

Usa 2016, Grillo: Clinton o Trump è fine del sogno americano

"Entrambi molto temibili per ciò che rappresentano e non per il potere che hanno"

Usa 2016, Grillo: Clinton o Trump è fine del sogno americano

"Hillary e Trump sono entrambi poco credibili, entrambi molto temibili per ciò che rappresentano e non per il potere che hanno. Il potere di un presidente negli Usa e di fare danni all'estero. Sul versante interno basta guardare Obama: non ha cambiato nulla. La terra delle opportunità si è trasformata gradualmente in un paese con oltre 2 milioni e mezzo di carcerati, milioni di poveri e illusioni sempre più scollate dalla realtà: spero che questa rissa elettorale non sia l'atto finale". Lo scrive sul suo blog Beppe Grillo in merito alle elezioni americane.

"Se uccidi la classe media in America non resta nulla, soltanto caos", aggiunge. "L'inesistenza del concetto di opposizione in America può portare a brutti sogni e realtà ancora peggiori. In Italia, se non fosse per noi, sarebbe lo stesso. È vero che gli americani sono avanti a noi: Berlusconi doppiato in un colpo solo", conclude Grillo.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Pd, Rossi: Non voglio stare nel partito di Renzi

Pd, Rossi: Non voglio stare nel partito di Renzi

"Ci è stato detto che non è possibile"

Pd, Orlando: Sarei candidato se questo servisse ad evitare una scissione nel partito

Orlando: Pronto per evitare scissione. Rossi: Nasce nuovo gruppo che sosterrà Gentiloni

Tensione tra i dem, Renzi: Alla fine non se ne andranno.Il blog di Grillo attacca: Quattro anni buttati nel cesso

Pd, il blog di Grillo: 4 anni buttati nel cesso, non tirate troppo la corda

Pd, il blog di Grillo: 4 anni buttati nel cesso, non tirate troppo la corda

Duro attacco dal sito de leader del M5s dopo l'assemblea dem e le dimissioni di Renzi

Pd, Orlando: La scissione è sbagliata, rafforza la destra

Pd, Orlando: La scissione è sbagliata, rafforza la destra

"Se la mia candidatura impedisse scissione, sarei già candidato"