Domenica 28 Agosto 2016 - 17:30

Usa 2016, giamaicana a 104 anni chiede cittadinanza per andare a votare

La passione per le elezioni presidenziali dilaga tra persone di tutte le età

Usa 2016, giamaicana a 104 anni chiede cittadinanza per andare a votare

Una donna di 104 anni nata in Giamaica, May Garcia, che vive negli Stati Uniti dal 1993, ha deciso di chiedere la cittadinanza americana perché, secondo i familiari, intende votare alle elezioni presidenziali dell'8 novembre. E l'ha ottenuta. La donna, vestita elegante e con la bandiera a stelle strisce in mano, ha prestato giuramento come cittadina americana a Fort Lauderdale, circa 40 chilometri a nord di Miami. Una dei quattro figli della centenaria, Fay Rochester, racconta che la madre è "forte" e sta "molto bene", nonostante abbia momenti in cui "non comprende del tutto", ma segue l'attualità e in particolare le notizie della campagna elettorale. Ed è stato proprio il desiderio di votare a spingerla a presentare la richiesta di cittadinanza, spiega la figlia. García è nata a Kingstone ha anche 12 nipoti e 26 pronipoti. 

Loading the player...
Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Israeli security forces arrest Palestinian men following clashes outside Jerusalem's Old city

Hamas inneggia all'assassino dei coloni. Israele arresta il fratello

Dopo gli scontri di ieri e l'attacco di un giovane in Cisgiordania, prosegue il botta e risposta tra le parti

Polizia spagnola arresta quattro persone accusate di jihadismo

Interpol: 173 combattenti dell'Isis pronti ad attacchi in Europa

The Guardian ha visto la lista dei nomi. Sarebbero addestrati, ma non si sa quanti siano già sul continente europeo

Marcia indietro di "The Sun". Napoli esce dalle città pericolose

Un'inchiesta del quotidiano inglese l'aveva messa insieme a Raqqa, Mogadiscio e Caracas. Le proteste

White House spokesman Sean Spicer holds an off-camera briefing (no TV) at the White House in Washington

Trump nomina il capo della comunicazione. Portavoce lascia

Sean Spicer, fedelissimo del presidente si dimette in disaccordo con la scelta del finanziere Anthony Scaramucci