Venerdì 11 Novembre 2016 - 20:00

De Blasio a Trump: New York non darà dati di migranti illegali

"Non abbiamo intenzione di sacrificare gli 850 mila immigrati che vivono con noi"

Usa 2016, De Blasio a Trump: New York non darà dati migranti illegali

New York resisterà a Donald Trump se cercherà mettere in pratica i suoi piani contro i migranti senza documenti. Parola di Bill De Blasio, sindaco di New York, citato dai media americani. "Non abbiamo intenzione di sacrificare gli 850 mila immigrati che vivono con noi, che fanno parte della nostra comunità - ha dichiarato De Blasio parlando ai giornalisti nella City Hall - Non vogliamo dividere le famiglie e quindi faremo di tutto per resistere a questo". Per questo, De Blasio ha annunciato che non consegnerà il database che custodisce l'identità degli immigrati illegali nella Grande Mela a Donald Trump.

Il sindaco di New York, dopo un iniziale tono conciliante nei confronti del presidente eletto, De Blasio ha ribadito di essere disposto a lavorare con Trump 'sperando per il meglio'. Ma, ha promesso, la città continuerà a proteggere gli immigrati senza documenti.

In campagna elettorale Trump aveva promesso che avrebbe espulso tutti i migranti illegali presenti sul territorio degli Stati Uniti. Sono circa 11,1 milioni. Il database non verrà consegnato a Trump senza "una vera e propria lotta", ha assicurato De Blasio, precisando che qualsiasi proposta che sarà vista come "una minaccia per i newyorkesi verrà affrontata".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Donald Trump è persona dell'anno per Time - Foto tratta dal profilo Twitter della rivista

Trump è persona dell'anno per Time: Ha rotto regole

"È un grande onore, significa molto", ha commentato il tycoon dopo la notizia della nomina

Trump: Vendute tutte le azioni a giugno. E cancella ordine Air Force One

Trump vende tutte le sue azioni e cancella ordine Air Force One

Il conflitto di interessi è uno degli argomenti ricorrenti contro il neo presidente eletto

Brexit, capo negoziatore Ue: Accordo con Londra entro ottobre 2018

Brexit, capo negoziatore Ue: Accordo con Londra entro 2018

Barnier precisa: "Ci saranno meno di 18 mesi per negoziare"