Domenica 28 Febbraio 2016 - 09:00

Usa 2016, per Hillary Clinton un trionfo in Carolina del Sud

Vince con 73,5% contro Sanders. Decisivo consenso dei afroamericani. Occhi puntati sul 1° marzo

Hillary Clinton in comizio a Columbia

Si solidifica la candidatura democratica di Hillary Clinton. L'ex segretario di Stato ha travolto il rivale Bernie Sanders nelle primarie in Carolina del Sud con il 73,5% delle preferenze contro il 26% del senatore del Vermont (oltre il 95% di schede scrutinate). Decisivo il voto degli afroamericani per questa terza vittoria che la porta tranquilla al 'super martedì' del 1° marzo, quando saranno unidic Stati a segnare il passo decisivo verso la nomination democratica.
"Oggi è stato inviato un messaggio - ha dichiarato Clinton ai suoi sostenitori - In America, quando ci troviamo insieme, non vi è alcun ostacolo troppo grande da superare".
Distaccando Sanders di oltre 48 punti e superando anche il voto raggiunto dal presidente Barack Obama nel 2008 nello Stato, l'ex segretario di stato ha decisamente tratto la sua forza tra gli elettori afroamericani, un collegio elettorale fondamentale per i democratici, che la potrà aiutare nel voto di martedì in sei Stati del sud con grandi popolazioni di colore. Gli exit poll hanno mostrato Clinton vincere grandi lo stato con quasi ogni circoscrizione. Ha vinto 9 su 10 elettori neri, così come le donne, gli uomini, urbani, suburbani, rurali, gli elettori molto liberali e conservatori. Sanders era avanti tra gli elettori di età compresa tra i 18 ei 29, e tra gli uomini bianchi.

Dopo la vittoria, Clinton sembrava guardare avanti, anticipando la sfida finale, quella dell'8 novembre per la Casa Bianca, con il repubblicano che tutti danni favorito: Donald Trump. Senza mai citarlo direttamente, nel suo discorso a Colombia Hillary ha ripreso più volte i temi cari al magnate: "Nonostante quello che si dice, non abbiamo bisogno di rendere l'America di nuovo grande perchè l'America non ha mai smesso di essere grande", ha dichiarato l'ex First lady. "Il nostro Paese - ha aggiunto - ha bisogno di amore e gentilezza e invece di costruire muri dobbiamo abbattere tutte le barriere", marcando le differenze con Trump.

Dal canto suo Bernie Sanders non getta la spugna. "Siamo solo all'inzio della campagna, abbiamo registrato una vittoria decisiva in New Hempshire mentre lei ha vinto in modo netto nella Carolina del Sud", ha osservato il senatore del Vermont, rinviando il confronto decisivo al 'super martedì'.

Loading the player...
Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Londra, allarme a Oxford Street

Falso allarme a Oxford Street: riaperte tre stazioni metro a Londra

Fuga di massa nel cuore delle vie dello shopping. Testimoni: uditi spari, ma non c'è traccia di sparatoria

Egitto, attacco alla moschea di Al-Arish. E' strage: almeno 235 morti e oltre 100 feriti

Preso di mira il tempio nella zona settentrionale del Sinai. I terroristi hanno lanciato bombe e sparato sui fedeli in fuga

Egitto, attacco alla moschea di Al-Arish. E' strage: almeno 235 morti e oltre 100 feriti

Preso di mira il tempio nella zona settentrionale del Sinai. I terroristi hanno lanciato bombe e sparato sui fedeli in fuga

Homeless report

Senzatetto le dà i suoi ultimi 20 dollari per la benzina. Lei sul web ne raccoglie per lui 114mila

L'incontro tra Kate e Johnny. Con i soldi ora potrà comprarsi una casa e lasciare la strada