Domenica 05 Novembre 2017 - 08:00

Urne aperte in Sicilia: oltre quattro milioni di elettori al voto per le Regionali

A contendersi il ruolo di Governatore cinque candidati: Nello Musumeci per il centrodestra, Giancarlo Cancelleri per il Movimento 5 Stelle, Claudio Fava per la sinistra, Fabrizio Micari per il centrosinistra e Roberto La Rosa in campo con Siciliani Liberi

Urne aperte in Sicilia. Ad eleggere il Presidente della Regione e dell'Assemblea della Regione Siciliana circa quattro milioni e mezzo di persone. Le votazioni si svolgono dalle ore 8 alle ore 22 e le operazioni di scrutinio avranno inizio a partire dalle ore 8 di domani. Le elezioni del Presidente della Regione e dell'Assemblea regionale sono contestuali e sono a suffragio universale e diretto. Il nuovo parlamento dell'isola sarà composto da 70 deputati, prima  era pari a 90 e dura per 5 anni.

A contendersi il ruolo di Governatore cinque candidati: Nello Musumeci per il centrodestra, Giancarlo Cancelleri per il Movimento 5 Stelle, Claudio Fava per la sinistra, Fabrizio Micari per il centrosinistra e Roberto La Rosa in campo con Siciliani Liberi

COME SI VOTA Le modalità di svolgimento delle elezioni sono disciplinate dalla legge regionale 20 marzo 1951, n. 29 ("Elezione dei Deputati all'Assemblea regionale siciliana") e successive modifiche.
Circoscrizioni:
- il collegio elettorale per l'elezione del Presidente della Regione coincide con il territorio regionale; - per l'elezione dell'Assemblea il territorio della Regione è ripartito in un numero di circoscrizioni pari al numero delle province regionali. L'ambito territoriale di ciascuna circoscrizione coincide con il territorio provinciale.
- l'elezione del Presidente della Regione e dell'Assemblea regionale sono contestuali e le votazioni avvengono su un'unica scheda.
Esercizio del diritto di voto:
- la scheda è unica e l'elettore può esprimere due voti: uno per la lista regionale e uno per la lista provinciale - voto di preferenza: è possibile esprimere la preferenza per uno dei candidati inseriti nelle liste provinciali; - voto disgiunto: l'elettore può votare una lista regionale e una lista provinciale non collegate fra loro; - nel caso in cui l'elettore ometta di votare per una lista regionale, il voto validamente espresso per una lista provinciale si intende espresso anche a favore della lista regionale che risulta collegata con la lista provinciale votata.

ELEZIONE DEL PRESIDENTE E' proclamato eletto alla carica di Presidente della Regione il capolista della lista regionale che consegue il maggior numero di voti validi.

ELEZIONE DELL'ASSEMBLEA REGIONALE Avviene con sistema proporzionale con correttivo maggioritario Dei 70 seggi dell'Assemblea siciliana: - 62 sono attribuiti in ragione proporzionale sulla base di liste di candidati concorrenti nei collegi elettorali provinciali - uno al Presidente di regione; - uno al capolista della lista regionale che ottiene una cifra di voti validi immediatamente inferiore a quella conseguita dalla lista regionale risultata più votata; - i restanti, fino ad un massimo di 6, ai candidati della lista regionale del Presidente eletto.
Casi particolari sono disciplinati dalla legge elettorale regionale.
- per quanto riguarda i deputati, invece, 16 saranno eletti nella provincia di Palermo, 13 a Catania, 8 a Messina, 6 ad Agrigento, 5 a Siracusa e Trapani, 4 a Ragusa, 3 a Caltanissetta, 2 a Enna. Dei restanti otto seggi, uno spetta al Governatore eletto, sei andranno alla lista regionale del candidato presidente e il seggio restante andrà al candidato governatore arrivato secondo nelle preferenze.

SOGLIA DI SBARRAMENTO AL 5% Non sono ammesse all'assegnazione dei seggi le liste provinciali il cui gruppo abbia ottenuto nell'intera Regione una cifra elettorale inferiore al 5% del totale regionale dei voti.

PARI OPPORTUNITÀ DI GENERE In ogni lista regionale i candidati (dopo il capolista) devono essere inseriti secondo un criterio di alternanza tra uomini e donne. In ogni lista provinciale il numero di candidati dello stesso sesso non può eccedere i due terzi del numero dei candidati da eleggere nel collegio.
 

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Commissione Vigilanza Rai. Eletto il Presidente Alberto Barachini

Rai, Alberto Barachini: chi è il nuovo presidente della vigilanza

Giornalista, dal 1999 è cresciuto nella squadra Mediaset. Alle ultime elezioni politiche, Silvio Berlusconi lo ha voluto nella squadra dei candidati azzurri

Giustizia, il ministro Bonafede al Csm

Legittima difesa, Bonafede: "No alla liberalizzazione delle armi". M5S frena

Salvini precisa: "No pistole vendute in tabaccheria. Niente modello americano". Il premier Conte: "No alla giustizia privata"

Migranti, Saviano a Salvini: "Quanto piacere provi a vedere bimbi morire?". E lui lo querela

Lo scrittore risponde a un post del ministro dell'Interno su Facebook con la foto della donna morta in mare con il suo bambino

Commissione Vigilanza Rai. Eletto il Presidente Alberto Barachini

A Forza Italia la Vigilanza Rai: è Barachini il nuovo presidente

Al Copasir è stato invece eletto presidente Lorenzo Guerini, del Pd