Martedì 26 Luglio 2016 - 12:00

Rouen, un sequestratore indossava un copricapo musulmano

L'uomo aveva addosso la "chachia" e portava la barba

Rouen, un sequestratore indossava un copricapo musulmano: avrebbe gridato 'Daesh'

 Uno dei due sequestratori della chiesa di Saint Etienne du Rouvray, vicino Rouen in Normandia, indossava la 'chachia', il tipico copricapo di lana indossato dai musulmani, e aveva la barba. Lo riportano fonti di polizia citate de Le Figaro.  I due uomini armati di coltello sono entrati attraverso la porta posteriore della chiesa durante la messa mattutina, sequestrando due suore, quattro fedeli e un prete, poi sgozzato. Il sequestro è durato poco meno di un'ora: intorno alle 10.45 gli uomini della Brigata di ricerca e intervento (Bri) hanno ucciso i due uomini quando sono usciti sul sagrato della chiesa.

 I due sequestratori avrebbero inoltre gridato 'Daesh' (acronimo arabo per Stato islamico) facendo irruzione durante la messa del mattino. Lo riporta il sito Le Point citando alcune fonti concordanti.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Coree, incontro a sorpresa Kim-Moon. Summit con Trump ancora possibile

Si sono riuniti per la seconda volta (la prima era stata il mese scorso) a Panmunjom, villaggio che si trova nella zona demilitarizzata nota come Dmz

Libia, Fayez al-Sarraj parla con i giornalisti a Tripoli

Libia, le milizie: "Abbiamo preso i palazzi del potere a Tripoli"

Gli attivisti sui social riferiscono si tratti delle brigate Halbous, dei rivoluzionari e Ghaniwa. Ma il governo smentisce

Irlanda, domani il paese alle urne per il referendum sull'aborto

Storica svolta in Irlanda: sì al referendum sull'aborto

Il 66,4% degli elettori ha votato a favore dell'abrogazione del divieto costituzionale dell'interruzione volontaria di gravidanza. L'affluenza si è attestata al 64,1%

Forum economico internazionale di San Pietroburgo

Macron tende la mano a Conte: "Mai date lezioni agli italiani"

Il presidente francese dice la sua sul nuovo governo