Lunedì 25 Settembre 2017 - 10:00

Università, tangenti per abilitazione: arrestati 7 prof, 22 interdetti

Un sistema di tangenti per spartirsi le abilitazioni. Indagato ex ministro Fantozzi. I nomi di tutti i docenti coinvolti

Università, tangenti per abilitazione: arrestati 7 docenti, 22 interdetti

Sette docenti universitari, titolari di cattedre di diritto tributario in numerosi atenei italiani, finiti agli arresti domiciliari con l'accusa di corruzione e altri 22 docenti interdetti dallo svolgimento delle funzioni di professore universitario e di quelle "connesse ad ogni altro incarico assegnato in ambito accademico per la durata di 12 mesi". Sono i numeri dell'operazione 'Chiamata alle Armi' condotta questa mattina su tutto il territorio nazionale dalla Guardia di finanza di Firenze e coordinata dalla procura del capoluogo toscano.

I sette docenti di diritto tributario finiti agli arresti domiciliari sono: Guglielmo Fransoni, tributarista di uno studio fiorentino e professore a Lecce; Giuseppe Zizzo (Università Carlo Cattaneo di Castellanza, Varese); Fabrizio Amatucci, professore a Napoli; Alessandro Giovannini (Università di Siena); Giuseppe Maria Cipolla (Università di Cassino); Adriano Di Pietro (Università di Bologna); Valerio Ficari (professore a Sassari, supplente a Tor Vergata-Roma). In totale sono 59 le persone indagate per reati di corruzione, tra le quali figura anche l'ex ministro Augusto Fantozzi, e 150 le perquisizioni domiciliari presso uffici pubblici, abitazioni private e studi professionali effettuate dalle fiamme gialle. Alcuni docenti coinvolti rivestono anche la carica di pubblici ufficiali in quanto componenti di diverse commissioni nazionali nominate dal ministero dell'Istruzione. I pm fiorentini Luca Turco e Paolo Barlucchi hanno chiesto la misura interdittiva dalla professione anche per l'ex ministro Fantozzi e il gip Antonio Pezzuti si è riservato la valutazione all'esito dell'interrogatorio.

Secondo quanto emerso dalle indagini si sarebbero verificati "sistematici accordi corruttivi" tra docenti universitari di diritto tributario per spartirsi l'assegnazione di abilitazioni all'insegnamento in base a "valutazioni non basate su criteri meritocratici bensì orientate a soddisfare interessi personali, professionali o associativi". Le indagini sono scaturite dal tentativo di alcuni professori di indurre un ricercatore universitario, candidato al concorso per l'abilitazione scientifica nazionale all'insegnamento del diritto tributario, a "ritirare" la propria domanda per favorire un terzo soggetto, in possesso di curriculum notevolmente inferiore, promettendogli che si sarebbero adoperati per la sua abilitazione in una successiva tornata. Sotto inchiesta sono finite due sessioni del concorso per l'abilitazione scientifica nazionale, quella del 2012 e quella del 2013 a cui si riferisce la denuncia.

In una delle conversazioni intercettate dagli investigatori, uno dei docenti, componente della commissione giudicante, affermerebbe di voler favorire il suo candidato, contrapposto a quello di un collega, esercitando la sua influenza con una vera e propria "chiamata alle armi" rivolta agli altri commissari a lui più vicini.

Ed ecco l'elenco dei 22 docenti che sono stati inibiti per un anno: Massimo Basilavecchia dell'Università Luiss di Roma, Mauro Beghin dell'Università di Padova, Pietro Boria della Sapienza di Roma, Andrea Carinci dell'Università di Bologna, Andrea Colli Vignarelli dell'Università di Messina, Roberto Cordeiro Guerra, ordinario di diritto tributario a Firenze e nel cda di Starhotels, Giangiacomo D'Angelo dell'Università di Bologna, Lorenzo Del Federico dell'Università di Chiati, Eugenio Della Valle dell'Università Sapienza di Roma, Maria Cecilia Fregni dell'Università di Modena e Reggio Emilia, Marco Greggi dell'Università di Ferrara e consulente ufficiale della commissione tributaria regionale dell'Emilia Romagna nonché docente presso la Scuola superiore della Magistratura, Giuseppe Marino dell'Università di Milano, delegato di Confindustria presso l'Ocse, Daniela Mazzagreco dell'Università di Palermo, Francesco Padovani dell'Università di Pisa, Maria Concetta Parlato dell'Università di Palermo, Paolo Puri dell'Università del Sannio, Livia Salvini della Luiss Guido Carli di Roma, Salvatore Sammartino dell'Università di Palermo, Pietro Selicato della Sapienza di Roma, Thomas Tassani dell'Università di Bologna, Loris Tosi dell'Università di Venezia Ca' Foscari, Francesco Tundo dell'Università di Bologna.

Scritto da 
  • Francesco Bongiovanni
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Contestazioni alla Bicocca - gli studenti entrano in aula magna

Milano, proteste all'università Bicocca: "No alternanza scuola-lavoro"

Blitz degli studenti durante l'inaugurazione dell'anno accademico. La ministra Fedeli: "Dialogo per risolvere i problemi"

Torino, autopsia 'scagiona' il cane: addestratore morto per un malore

Il 26enne, trovato senza vita sabato scorso, non è stato sbranato dal bull terrier dell'amico. I morsi sul corpo del giovane avvenuti 'post mortem'

Manifestazione contro l'obbligo dei vaccini

Vaccini, Consulta rinvia a mercoledì decisione su ricorsi Veneto

Nel pomeriggio si è svolta l'udienza pubblica di fronte alla Corte Costituzionale

Tumori al polmone, nuova macchina per la ricerca

Diciasettenne muore di meningite in ospedale a Imola

Era ricoverato da venerdì scorso per un caso batterico. Avviata la donazione degli organi