Venerdì 19 Febbraio 2016 - 13:15

UniPegaso, due progetti di formazione a Malta: giovani e start up

Accordo siglato dal sindaco della capitale maltese Alexiei Dingli e dal presidente dell'Università Telematica Danilo Iervolino

UniPegaso, due progetti di formazione a Malta: giovani e start up

Due progetti di formazione a La Valletta, Malta, con l'e-learning italiano. E' l'accordo siglato dal sindaco della capitale maltese Alexiei Dingli e dal presidente dell'Università Telematica Pegaso Danilo Iervolino. A raccontare la collaborazione è stato il presidente stesso in un'intervista sul 'Mattino'. "Siamo stati scelti come capofila - spiega Iervolino - di due progetti importanti, da realizzare in vista del 2018, quando La Valletta sarà capitale europea della cultura". Il primo progetto è di 'life long learning', nell'ambito del quale verranno formati 20mila giovani su un programma interculturale, attraverso moduli di formazione online: "Con la nostra esperienza - racconta Iervolino - ci rivolgeremo a giovani dai 14 ai 23 anni sui temi dell'intercultura e metteremo in campo azioni di formazione sui temi della democrazia e dell'inclusione tra le etnie e i popoli". Il secondo progetto, invece, non ha limiti di età: "Si chiama 'Start up 4.0' e dovrà trasformare La Valletta in uno dei più grandi incubatori di start up a livello europeo" al quale potranno accedere "solo persone dalle idee fortemente innovative".

Scritto da 
  • redazione
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Muore a 170 km/h sull'A1 girando un video: l'appello della madre

Muore a 170 km/h sull'A1 girando un video: l'appello della madre

Ana ha perso la vita a soli 25 anni sull'autostrada a Bologna

Lecco, 78enne ritrovato senza vita in una baita

Lecco, 78enne ritrovato senza vita in una baita

L'allarme di un conoscente che non lo vedeva da qualche giorno

Coldiretti: Nei ristoranti fuorilegge 3 bottiglie di olio su 4

Coldiretti: Nei ristoranti fuorilegge 3 bottiglie di olio su 4

Nel 76% dei casi non viene rispettata la legge europea 2013 bis

Dopo 4 anni lavora 72,8% dei laureati, ma uno su due è precario

Dopo 4 anni lavora 72,8% dei laureati, ma uno su due è precario

Lo comunica l'Istat nel suo report 'I percorsi di studio e lavoro dei diplomati e dei laureati'