Giovedì 14 Gennaio 2016 - 11:00

Unioni civili, oggi emendamento senatori Pd: no stepchild adoption

La proposta è sostituire l'affido rafforzato alla stepchild adoption

Emendamento dei senatori Pd cattolici per affido e non adozione

Viene presentato oggi l'emendamento dei senatori cattolici Pd all'articolo 5 del ddl Cirinnà sulle unioni civili. L'emendamento propone di sostituire l'affido rafforzato alla stepchild adoption per i figli delle coppie gay. Secondo quanto si apprende da fonti parlamentari, il testo della proposta di modifica sarà diffuso in mattinata alla stampa. L'emendamento è presentato da Stefano Lepri, Emma Fattorini e Rosa Maria Di Giorgi. L'emendamento dei senatori cattolici Pd alla stepchild adoption riconosce "tutti i diritti al bambino che c'è già, ma pochi al partner". Il bambino potrà ottenere l'adozione piena a 18 anni. Per ora la proposta di modifica all'articolo 5 del disegno di legge Cirinnà è stata sottoscritta dai tre firmatari, ma si stanno ancora raccogliendo le firme e non è escluso vi aderiscano anche senatori di altri partiti.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

ITALY-ACCIDENT-BRIDGE-COLLAPSE

Genova, l'Independent attacca il governo: "Stolte accuse all'Ue"

Editoriale durissimo: "La gang di populisti ha cercato di sfruttare il tragico crollo del ponte a fini politici". La commissione: "Sicurezza spetta a concessionario"

Bari, iniziativa Coldiretti per salvare il grano italiano

Motovedetta italiana salva 170 migranti. Salvini attacca: "Non avvertiti"

Il barcone era nelle acque Sar maltesi ed è stato riaccompagnato dalle motovedette di La Valletta verso quelle italiane. Il ministero degli Interni: "Li riportino a Malta"

Crollo ponte Genova, il giorno dopo

Genova, Burlando: "Alla città servono nuove opere, non si torni indietro"

L'analisi dell'ex ministro dei Trasporti nel governo Prodi e presidente della Regione Liguria dal 2005 al 2015

Crollo ponte Genova, il giorno dopo

Genova, revoca della concessione ad Autostrade. Salvini: "Prima i soldi, poi parliamo". Di Maio: "No, acceleriamo"

Scontro tra i due vicepremier, anche se la Lega assicura: "Piena sintonia". I mercati puniscono Atlantia