Mercoledì 13 Gennaio 2016 - 21:00

Unioni civili, Forza Italia voterà no al ddl Cirinnà

La decisione dopo la riunione dei gruppi parlamentari azzurri con Berlusconi

Il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi

L'assemblea dei gruppi di Forza Italia, riunita a Montecitorio, ha deciso che voterà no al disegno di legge sulle Unioni civili. E' quanto emerso durante la riunione dei gruppi azzurri a Montecitorio dopo un lungo dibattito. Secondo quanto riferito da alcuni partecipanti dopo la relazione del presidente della commissione Giustizia del Senato, Francesco Nitto Palma, hanno preso la parola una decina tra senatori e deputati tutti contrari al provvedimento, tranne Stefania Prestigiacomo, favorevole al ddl se modificato. Il presidente Berlusconi, che aprendo il suo intervento ha sottolineato "sono qui questa sera per ascoltare più che parlare", alla fine ha ribadito che la posizione di Forza Italia è quella di essere "favorevoli alle unioni civili ma non al progetto di legge Cirinnà perché questo presenta troppe criticità".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Crollo Genova, i vigili del fuoco proseguono ispezione area ponte

Genova, Mit e Autostrade nel mirino. Pressing per dimissioni Ferrazza

Bufera sull'architetto alla guida della commissione d'inchiesta del ministero

Genova, crollo Ponte Morandi: le case evacuate della zona rossa sotto al ponte

Genova, M5S: "Forza Italia e Pd hanno favorito i concessionari autostradali"

Per i pentastellati "sono stati proprio i governi di centrodestra e centrosinistra a costruire un sistema insano"

Genova, il giorno dopo il crollo del ponte

Genova, Governo all'opera: studia 'piano Giorgetti' e dialoga con Fi

La proposta del sottosegretario alla presidenza del Consiglio: "Non riguarderà solo autostrade e ponti ma anche le scuole. Sarà un'operazione di manutenzione senza precedenti"

Genova, crollo Ponte Morandi: Matteo Salvini sul luogo del disastro

Autostrade, l'ipotesi nazionalizzazione agita il governo e la Lega

Fa discutere anche il voto del Carroccio, nel 2008, a favore della conversione del decreto 'Salva Benetton'