Giovedì 12 Maggio 2016 - 17:00

Unioni civili, centrodestra: Se Mattarella firma sarà referendum

Centrodestra unito e all'attacco della legge approvata ieri alla Camera

Carlo Giovanardi

Centrodestra unito e all'attacco della legge approvata ieri alla Camera sulle unioni civili. I partiti di opposizione e non solo hanno presentato oggi a Montecitorio le iniziative per l'indizione di un referendum abrogativo della legge Cirinnà, qualora il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, a cui spetta l'ultima parola, decida di promulgare la legge. Uniti per la prima volta attorno a un tavolo, dopo tanto tempo, i parlamentari Eugenia Roccella, Gaetano Quagliariello e Carlo Giovanardi di Idea, Maurizio Gasparri e Lucio Malan di Forza Italia, Gian Marco Centinaio e Nicola Molteni della Lega, Francesco Bruni e Lucio Tarquinio dei Conservatori e Riformisti, Fabio Rampelli ed Edmondo Cirielli di Fratelli d'Italia, Gian Luigi Gigli e Mario Sberna di Ds-Cd, Guglielmo Vaccaro di Italia Unica, Maurizio Sacconi e Alessandro Pagano, esponenti di Ap, in procinto di lasciare la maggioranza.

Tra tutti una convinzione "l'80% degli italiani è contrario a questa legge" dice Giovanardi "perché è contrario all'utero in affitto, è contrario all'adozione dei bambini". Hashtag del referendum sarà 'ciricorderemo' e la promessa, come conferma Quagliariello, è che i quesiti "saranno depositati non appena la legge verrà promulgata se evidentemente non ci saranno obiezioni da parte del Capo dello stato".

Lo stesso ex braccio destro di Angelino Alfano ha tenuto però a precisare che "noi chiediamo di abolire gli articoli della legge che creano discriminazioni tra le ipotesi di convivenza omosessuale e quelle eterosessuali". In base alla legge, osserva, si arriva "ad esempio alla cosa assurda e anche un po' ridicola che se un uomo e una donna convivono per una vita a hanno tre figli, non hanno diritto alla reversibilità, se invece si tratta di una coppia omosessuale avranno la reversibilità". "Siamo stati obbligati a questa scelta perché sia in Senato che alla Camera non è stato possibile presentare gli emendamenti" per l'utilizzo della fiducia in entrambi i rami del Parlamento, spiega Giovanardi.  "Ma attenzione - ricorda il senatore del gruppo Idea - la legge è stata approvata ieri dalla Camera, ma manca ancora il passaggio del  capo dello Stato, che dovrà verificare se ci sono discrepanze costituzionali". Lucio Malan su questo argomento sottolinea infatti che il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, tra i motivi per non firmare il testo,  c'è quello della "totale inidoneità della copertura finanziaria della legge. La relazione del ministero dell'economia - attacca il forzista - è ridicola perché sottostima le spese".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Governo, resta nodo Savona. Conte vede Giansanti, in corsa per la carica di ministro degli Esteri

Salvini: "No a ministro che piace a Merkel". Casaleggio: "Mattarella e Conte troveranno soluzione". Renzi: "Spread colpa di Lega e M5s"

Paolo Gentiloni a piedi nei pressi di palazzo Chigi

Gentiloni lascia Chigi e scherza: "Non mi hanno mostrato la stanza dei bottoni"

Il premier uscente ha salutato i dipendenti: "Dovrebbe arrivare il nuovo esecutivo. Lasciamo il Paese con più lavoro, più diritti e conti a posto"

Giuseppe Conte entra alla Camera dei Deputati

Governo, si allungano i tempi. Conte lavora sulla lista dei ministri, incontro informale al Colle

Il premier incaricato dal governatore della Banca d'Italia a Palazzo Koch, poi vertice con Salvini e Di Maio. Conte non scioglierà la riserva prima di sabato