Mercoledì 11 Maggio 2016 - 15:45

Unioni civili, il governo incassa la fiducia alla Camera

Via libera al ddl Cirinnà 369 sì e 193 no. Meloni posta selfie con foto contrario. Pinotti: Finalmente più diritti

Camera dei Deputati - ddl Unioni Civili

L'aula della Camera ha approvato la fiducia posta dal governo sul disegno di legge Unioni civili con 369 sì, 193 no e 2 astenuti. L'assemblea è stata aggiornata alle 16 con la discussione degli ordini del giorno e a seguire il voto sul provvedimento che dovrebbe arrivare intorno alle 19.  E' iniziato nell'aula della Camera l'esame degli ordini del giorno presentati al ddl Unioni civili.  I testi presentati sono 38, dopo il ritiro di uno.

LEGGI LA SCHEDA: Cosa prevede la legge

Sulle unioni civili, il copione del Senato si è ripetuto anche alla Camera. Il Governo, rappresentato dalla ministra per le Riforme Maria Elena Boschi, ha posto ieri la questione di fiducia. Intanto la polemica viene alimentata dal candidato sindaco di Roma Alfio Marchini, che afferma che da primo cittadino non sposerebbe i gay in Campidoglio, e dal segretario dell'assemblea dei vescovi italiani, Nunzio Galantino, che dice: "Il Governo avrà anche le sue logiche, le sue ragioni, ma il voto di fiducia può rappresentare spesso una sconfitta per tutti".

Loading the player...

"Finalmente l'Italia ha una legge sulle #unionicivili! Più diritti e più serenità per chi si ama. Ora siamo al passo con l'Europa". Lo scrive su Twitter il ministro della Difesa Roberta Pinotti.

 

 

"A Montecitorio per votare no alla legge sulle #unionicivili di Renzi". Lo ha scritto su Twitter la leader di FdI Giorgia Meloni, postando un suo selfie dall'emiciclo della Camera.

 

RENZI: GIORNO DI FESTA. "È un giorno di festa per tanti, oggi. Per chi si sente finalmente riconosciuto. Per chi vede dopo anni che gli vengono restituiti diritti talmente civili da non aver bisogno di altri aggettivi. Per chi stanotte ha fatto fatica a prendere sonno, per chi da giorni ci scrive chiedendo dove festeggiare, per chi semplicemente non sta più nella pelle. È un giorno di festa per tanti, oggi. In queste ore decisive tengo stretto nel mio cuore il pensiero e il ricordo di Alessia. E questo mi basta. Perché le leggi sono fatte per le persone, non per le ideologie. Per chi ama, non per chi proclama. Scriviamo un'altra pagina importante dell'Italia che vogliamo. Lo facciamo mettendo la fiducia perché non erano possibili ulteriori ritardi dopo anni di tentativi falliti. Lo facciamo con umiltà e coraggio. Ma lo facciamo adesso perché in Italia non è più possibile continuare a rinviare tutto". Lo scrive il premier Matteo Renzi su Facebook.

 

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Riapertura del passaggio di collegamento tra il Collegio Romano e la Chiesa di San Ignazio

Via al piano istruzione 0-6 anni. Fedeli: "È svolta culturale"

Lo scopo è aumentare i servizi e sostenere i genitori, per dare alle bambine e ai bambini maggiori opportunità di accesso a un'istruzione di qualità fin dalla nascita

Rimini, congresso fondativo di "Sinistra Italiana"

Leu, Civati: "Foglioline? Noi siamo femministi nella sostanza"

Al nuovo partito potrebbe unirsi anche Laura Boldrini

Assemblea nazionale "C'è una nuova proposta"

Grasso: "Comandato da D'Alema? Sarò io a guidare Liberi e Uguali"

Il presidente del Senato risponde a Matteo Renzi che lo ha paragonato a Fini