Martedì 24 Maggio 2016 - 21:45

Unicredit, passo indietro di Ghizzoni. Nuovo A.d. entro giugno

Il manager resterà in carica fino a quando non verrà scelto il suo successore

Ghizzoni

Federico Ghizzoni ha dato la sua disponibilità a lasciare l'incarico di amministratore delegato di Unicredit. Lo ha fatto al termine di un teso cda straordinario. Il manager piacentino era a capo della banca dal 30 settembre 2010, quando subentrò ad Alessandro Profumo e resterà in carica fino a quando non verrà individuato il suo successore, la cui la nomina è difficile che arrivi già al prossimo cda, fissato per il 9 giugno, ma certamente non si andrà oltre la fine del secondo trimestre. Nella nota diffusa dalla banca dopo la conclusione della riunione si spiega come Ghizzoni abbia "dato la propria disponibilità a definire, insieme al presidente, una ipotesi di accordo per la risoluzione del rapporto, da sottoporre poi agli organi competenti", ed intenda supportare chi verrà dopo di lui "adeguatamente, nella opportuna fase di transizione". I consiglieri, "all'unanimità, hanno ringraziato Ghizzoni per l'alta qualità del lavoro svolto" ed hanno "espresso un forte apprezzamento per la grande competenza e la totale dedizione con cui ha guidato la banca in condizioni di mercato estremamente difficili".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Reddito di inclusione: come richiederlo a Roma

Parle la misura nazionale di contrasto alla povertà promossa dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Copies of bitcoins standing on PC motherboard are seen in this illustration picture

Bitcoins volano oltre 18 mila dollari dopo debutto futures Cboe

La moneta virtuale accresce il suo valore, segnando un nuovo record storico

PD - Sit in del Partito democratico sotto la sede dell?Agcom

Fatturazione ogni 4 settimane: stop per legge, ma le Telco vanno avanti

AgCom e Parlamento sono intervenuti, ma le compagnie telefoniche continuano a proporli. Per i consumatori un danno da un miliardo all'anno

Euro sign seen at former ECB headquarters in Frankfurt

La PA italiana paga a oltre 100 giorni. Deferita alla Corte Ue

A tre anni dalla prima denuncia, situazione deprecabile. Il pubblico deve alle aziende circa 64 miliardi