Domenica 07 Maggio 2017 - 23:15

Una super Roma cala il poker a San Siro: Milan in ginocchio

Dzeko, ora re dei cannonieri con 27 reti, segna due gol in 28'

Una super Roma cala il poker a San Siro: Milan in ginocchio

Un poker da urlo per la Roma. Quattro sberle al Milan a San Siro (1-4). Dzeko, ora re dei cannonieri con 27 reti, segna due gol in 28'. Nel primo tempo anche due legni colpiti da Perotti e Nainggolan dopo due miracoli di Donnarumma, che predica nel deserto. Gol della bandiera di Pasalic al 76' e tris dell'ex El Shaarawy al 78'. All'87', dopo il rosso a Paletta, rigore a segno di De Rossi. I giallorossi salgono a 78 punti e scavalcano il Napoli al secondo posto. La squadra di Vincenzo Montella, a secco di vittorie dal 9 aprile, resta sesta a 59 punti, con l'Atalanta lontana sei punti. Ko per la seconda volta di fila in casa dopo l'arrivo della proprietà cinese.

La gara parte con il piede sbagliato per il Milan di fronte a una Roma arrembante, con Totti omaggiato da San Siro anche se resta seduto in panchina. All 8', scambio Dzeko-Salah al limite dell'area, il bosniaco spara con il destro dal limite dell'area e fulmina Donnarumma con una staffilata sotto la traversa. Lo 0-1 è una doccia fredda per i rossoneri. L'attaccante supera Belotti in classifica cannonieri a quota 26. I ragazzi di Spalletti hanno voglia di vendicare i quattro schiaffoni subiti nel derby e, quasi telecomandati dal mister che si sgola  nell'area tecnica, fanno vedere un calcio d'alta classe.

Timida reazione dei rossoneri al 15': palla persa in mezzo dalla Roma, Deulofeu scappa palla al piede ma il suo tiro viene deviato in angolo. Due minuti dopo, Perotti va con il destro da fuori, Donnarumma fa un miracolo e devìa la palla sul palo. La replica del Milan con Sosa: dopo un paio di sbavature ci prova, ma sulla sua botta da 20 metri Szczesny vola e dice di no. Minuto 28, ecco il raddoppio della Roma: Paredes taglia in area dal corner, Dzeko salta più in alto di tutti e gira di testa in rete. Ancora, dopo un lancio illuminante per Salah, Nainggolan trasforma il pallone di ritorno in un destro beffardo, su cui Donnarumma si tuffa per mettere di nuovo la palla sul palo. Mentre, al 40', Sosa butta via un altro pallone, Perotti si infila in area e, servito dal belga, tira addosso a Donnarumma in uscita. Fischi per il Milan all'intervallo.

Nella ripresa Mati Fernandez fuori e spazio per l'ex Bertolacci. Montella inverte anche gli esterni Suso e Deulofeu, ma la musica non cambia. Al quarto d'ora spazio per una vecchia conoscenza di San Siro, El Shaarawy, in campo al posto di Perotti, fuori per un problema alla caviglia sinistra, tra qualche fischio e tanti applausi. L'allenatore del Milan non ci sta ed ecco un 4-2-3-1 alla Allegri con Ocampos in campo al posto di un mediocre Vangioni. Intanto, Nainggolan prende una botta e fa vedere San Siro a Grenier.

Al 76' Pasalic firma l'1-2: cross da destra di Sosa, spizzata di testa di Ocampos in area e gol del croato. E due minuti dopo arriva la vendetta dell'ex: assist di Dzeko e destro a giro di El Shaarawy nel set. Non è finita, perché Paletta si fa espellere per fallo da ultimo uomo su Salah in area. De Rossi si presenta sul dischetto, Donnarumma intuisce ma non blocca. Un 4-1 che fa male al Milan, ricoperto di fischi al gong. Rilancio con il botto per la Roma.
 

Scritto da 
  • Luca Rossi
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Milan, Kalinic in arrivo. Montella: "Funzionale al nostro gioco"

Milan, Kalinic in arrivo. Montella plaude: "Funzionale al nostro gioco"

A breve l'annuncio alla vigilia della gara d'andata del playoff di Europa League contro i macedoni dello Shkendija

Siviglia vs Roma - IX Trofeo Antonio Puerta

Di Francesco alla sua Roma: "Meno fioretto e più concretezza"

L'allenatore giallorosso è soddisfatto della prestazione dei suoi contro il Siviglia

Milan battuto 2-1 dal Betis Siviglia in amichevole

Milan battuto 2-1 dal Betis Siviglia in amichevole, Var protagonista

Un gol annullato a Silva per fuorigioco e rigore agli andalusi per fallo di mano di Calhanoglu