Martedì 26 Luglio 2016 - 08:30

Un kalashnikov con pochi click: viaggio nel 'dark web'

Viaggio nei meandri della Rete tra armi ed esplosivi

Un kalashnikov con pochi click: viaggio nel del dark web

Una Glock 17 "quasi nuova, testata e pienamente funzionante". Costo: millecinquecento dollari, recapitabile in Italia in pochi giorni lavorativi. Bastano un paio d'ore e un po' di familiarità col computer per arrivare a questo annuncio. O a quello di una Beretta 92Fs, con cinquanta proiettili inclusi, a 650 dollari. Venditore tedesco, che assicura di mettere a disposizione "pistole pulite mai usate e non tracciabili". Siamo su un noto sito di ecommerce dedicato al mercato nero, una sorta di ebay dell'illegale. Categorie: 'frode', 'droghe e prodotti chimici', 'guide e tutorial', 'prodotti contraffatti', 'prodotti digitali', 'gioielli e oro', 'armi' e così via.

Arrivarci non è facile per chi non mastica informatica, ma è decisamente alla portata di qualsiasi smanettone diciassettenne. Non basta digitarne l'indirizzo su Firefox o su Chrome. Bisogna prima installare Tor, un programma che permette di navigare in anonimato, entrando nel cosiddetto 'dark web'. Tor nacque negli anni Novanta come strumento per proteggere le comunicazioni dei servizi segreti statunitensi e fu sviluppato poi a partire dalla metà degli anni Duemila da una comunità di programmatori con il sostegno della Electronic Frontier Foundation, organizzazione non profit che difende la libertà di parola in rete. Come la stessa rete internet, insomma, partorito dai militari e trasformatosi poi in strumento di libertà. Obiettivo: poter comunicare senza che i governi possano controllare chi scrive o legge cosa. Tema naturalmente da sempre in chiaroscuro: dove finisce il diritto di un dissidente o di un attivista a non veder spiate le sue comunicazioni e dove inizia quello della polizia a intercettare terroristi e trafficanti di droga?
Ma attenzione: non si tratta di un programma clandestino. L'Internet Engineering Task Force (Ietf) ha stabilito che i domini di primo livello della darknet Tor (che hanno estensione .onion, come quello del nostro ebay illegale) entrano in una lista ristretta di domini speciali (.local, .localhost, .example, .invalid, .test e altri), inaccessibili alla Internet pubblica. L'Icann (l'organismo con sede a Los Angeles che si occupa di gestire gli indirizzi della rete) non li può assegnare a pagamento ad altri: i .onion sono assegnati solo dalla rete Tor.

Installato questo programma si può finalmente digitare l'indirizzo del nostro sito di prodotti illegali. Occorre iscriversi, indicando un nome utente (evidentemente si suppone che l'utente eviti di rivelare il proprio vero nome) e una password e finalmente si può fare shopping.

Ovviamente non si può pagare con una normale carta di credito, altrimenti l'anonimato dell'operazione viene meno. E come si fa? Si paga in bitcoin, la valuta virtuale. Acquistare bitcoin è semplicissimo, basta cercare su Google e si trovano decine di siti internet per farlo. Si fa un bonifico, o un trasferimento Paypal, e si crea un borsellino bitcoin. Il bitcoin è una valuta che ha diverse caratteristiche particolari, una delle quali è proprio quella dell'anononimato. Le transazioni non sono tracciate, è come usare contanti. L'unico passaggio tracciato è la conversione da euro a bitcoin e viceversa. Tutto ciò che è in mezzo resta sconosciuto.

A questo punto possiamo comprare la nostra pistola. Ma possiamo anche scegliere altri prodotti: ci sono giubbotti antiproiettile, esplosivi, kalashnikov e una gamma di fucili d'assalto. Nuovi e usati. E se non si trova il necessario alle proprie esigenze, nel dark web ci sono tanti altri negozi online.

Scritto da 
  • Fabio De Ponte
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Mamma uccide figli a Suzzara in provincia di Mantova

Catania, due anziane sorelle uccise in casa: ipotesi rapina

I corpi trovati nella loro nella loro abitazione di Ramacca messa a soqquadro. Indagano i caraninieri

Processo a carico di Marco Cappato, accusato di aiuto al suicidio per vicenda dj Fabo

Dj Fabo, Cappato: "Era mio dovere aiutarlo a morire"

L'esponente dei Radicali al processo che lo vede imputato per aiuto al suicidio e per aver accompagnato in auto in Svizzera il 40enne milanese

Matteo Renzi visita la Tegim Telethon a Pozzuoli

Malattie rare: oltre 6mila patologie colpiscono 600mila italiani

Sono casi gravi, spesso letali, e spesso non esistono terapie disponibili