Venerdì 28 Ottobre 2016 - 17:15

Uk, Uber perde causa: ad autisti riconosciuti diritti dipendenti

Il sindacato Gmb esulta: "Enorme vittoria"

Uk, Uber perde causa: ad autisti riconosciuti diritti dipendenti

Il tribunale del Lavoro di Londra ha stabilito che due autisti di Uber dovranno risultare come dipendenti della compagnia, e non come lavoratori autonomi, dopo aver vinto una causa per il riconoscimento di diritti di lavoro. Secondo la sentenza, che in futuro potrà essere applicata alle migliaia di autisti del servizio, prevede che ai dipendenti siano riconosciuti diritti come ferie retribuite e garantito il minimo salariale.

Il sindacato Gmb, che rappresenta i due autisti James Farrar e Yaseen Aslam, ha definito la decisione come una "enorme vittoria" per i 30 mila autisti in Inghilterra e Galles.

Dal canto suo Uber, che ha sede a San Francisco e che sostiene che i suoi autisti non siamo impiegati ma lavoratori autonomi, ha fatto sapere di essere pronto ad appellarsi al verdetto. Jo Bertram, direttore di Uber nel Regno Unito, ha precisato che "decine di migliaia di persone a Londra guidano con Uber proprio perché desiderano essere autonomi ed essere i capi di loro stessi". E ha spiegato che "la maggior parte degli autisti che usano l'applicazione vogliono mantenere la libertà e la flessibilità di guidare quando e dove vogliono".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

"Islam religione di pace... eterna". Charlie Hebdo nella bufera

La copertina del settimanale accende le polemiche per l'ironia sull'attentato a Barcellona

Balla la Macarena per strada: 14enne arrestato in Arabia Saudita

Il video mentre attraversa la strada al passo di danza è diventato virale dopo un anno scatenando la reazione della polizia saudita

Violenti scontri nella notte dopo la visita di Trump a Phoenix

"Charlottesville, media disonesti". Scontri a convegno Trump

Il presidente americano parla anche di Messico e Corea del Nord. Spary urticanti sui manifestanti anti-Trump

Barcellona, libero un arrestato. Documento Isis in covo di Alcanar

Un altro imputato resterà in carcere ancora per 72 ore. Negata la cauzione agli altri due. Chemlal: "Volevamo colpire la Sagrada Familia"