Venerdì 28 Ottobre 2016 - 17:15

Uk, Uber perde causa: ad autisti riconosciuti diritti dipendenti

Il sindacato Gmb esulta: "Enorme vittoria"

Uk, Uber perde causa: ad autisti riconosciuti diritti dipendenti

Il tribunale del Lavoro di Londra ha stabilito che due autisti di Uber dovranno risultare come dipendenti della compagnia, e non come lavoratori autonomi, dopo aver vinto una causa per il riconoscimento di diritti di lavoro. Secondo la sentenza, che in futuro potrà essere applicata alle migliaia di autisti del servizio, prevede che ai dipendenti siano riconosciuti diritti come ferie retribuite e garantito il minimo salariale.

Il sindacato Gmb, che rappresenta i due autisti James Farrar e Yaseen Aslam, ha definito la decisione come una "enorme vittoria" per i 30 mila autisti in Inghilterra e Galles.

Dal canto suo Uber, che ha sede a San Francisco e che sostiene che i suoi autisti non siamo impiegati ma lavoratori autonomi, ha fatto sapere di essere pronto ad appellarsi al verdetto. Jo Bertram, direttore di Uber nel Regno Unito, ha precisato che "decine di migliaia di persone a Londra guidano con Uber proprio perché desiderano essere autonomi ed essere i capi di loro stessi". E ha spiegato che "la maggior parte degli autisti che usano l'applicazione vogliono mantenere la libertà e la flessibilità di guidare quando e dove vogliono".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

EGYPT-UNREST-CHURCH-ATTACK

Sudan, naufragio sul Nilo: muoiono 22 bambini e una donna

La barca è affondata a causa di un guasto al motore

La nave Aquarius torna in mare a Marsiglia

Aquarius attracca a Malta: migranti accolti anche dall'Italia

Dopo tre giorni di attesa in mare, la nave dell'Ong arriva al porto di La Valletta: dei 141 a bordo 67 sono minori non accompagnati

Israele, Benjamin Netanyahu in conferenza stampa

Distensione in Medioriente: Israele riapre passaggio merci verso Gaza

Segnale di temporaneo disgelo tra le parti in conflitto. Ma la tregua vera è ancora lontana

Survivor voice Europa - Incontro internazionale delle vittime dei preti pedofili

Preti pedofili, 70 anni di abusi in Pennsylvania coperti dalla Chiesa

Un Grand giurì ha riconosciuto la colpa di 300 sacerdoti su oltre mille bambini