Venerdì 05 Febbraio 2016 - 11:45

Ue, Renzi sente Hollande: Impegno su crescita e occupazione

I due leader hanno condiviso la necessità di un rilancio di un  forte impegno europeista

Renzi e Hollande

 Il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha avuto questa mattina una conversazione telefonica con il presidente francese  François  Hollande. Il colloquio, spiegano fonti di palazzo Chigi, si inserisce nel quadro dei contatti con i principali leader europei e alla vigilia dell'incontro di questa sera a l'Aja con il Primo Ministro olandese e Presidente di turno Mark Rutte. Al centro della telefonata uno scambio di idee sulle principali questioni dell'agenda europea, a partire dai temi economici, dalle prospettive del negoziato con la Gran Bretagna, dalla situazione migratoria e dalla lotta al terrorismo. I due leader hanno condiviso la necessità di un rilancio di un  forte impegno europeista e di una politica economica centrata sulla crescita e la creazione di occupazione.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

È il giorno del referendum in Lombardia e Veneto: 12 milioni chiamati a votare

Dai risultati dipenderà il potere contrattuale dei due presidenti di Regione nell'eventuale trattativa con il governo per ottenere la gestione a livello regionale di materie oggi di competenza centrale

Bankitalia, Renzi mattatore a Firenze: "Esprimere giudizio non è lesa maestà"

Bankitalia, Renzi mattatore a Firenze: "Esprimere giudizio non è lesa maestà"

Il segretario Pd alla festa del quotidiano 'Il Foglio': "Non possiamo arrivare al paradosso che qualcuno è intoccabile, inviolabile, ingiudicabile"

Senato, Paolo Gentiloni riferisce sul prossimo consiglio europeo del 19 e 20 Ottobre

Legge elettorale, 179 proposte di modifica e 160mila firme per cambiarla

La legge elettorale arriverà in aula martedì 24 ottobre

Il Presidente Gentiloni al Consiglio Europeo di Bruxelles

Bankitalia, Gentiloni: "Il governo deve agire nell'interesse del Paese"

Il presidente del Consiglio si dice tranquillo relativamente a "strani incroci populisti" che si possano creare in parlamento sulla vicenda