Martedì 02 Febbraio 2016 - 12:30

Ue, Renzi: Oggi sembra lontana dai valori dei padri fondatori

Il premier torna all'attacco: Basta lezioni e dirci cosa fare

Il premier Renzi all'attacco di Bruxelles

"Siamo in un momento in cui l'Europa sembra essere tanto lontana dai valori dei nostri padri, dei padri fondatori che 60 anni fa hanno firmato un trattato per far nascere la comunità europea". Così il presidente del Consiglio Matteo Renzi torna all'attacco dell'establishment europeo nel corso del suo intervento al Parlamento di Accra, in Ghana. "Il tempo in cui da Bruxelles ci dicevano cosa fare è finito", rincara il premier, "l'Italia ogni anno dà più di quel che riceve all'Europa, non prendiamo lezioncine da nessuno dei nostri amici europei". "Per risolvere problemi complessi - ha aggiunto Renzi - non basta fare un comunicato stampa. Le polemiche lasciano il tempo che trovano, noi siamo l'Italia e ogni anno mettiamo 20 miliardi sul piatto di Bruxelles, avendo indietro molto meno, 11 miliardi. Siamo pronti a imparare, ma il tempo delle lezioni è finito, abbiamo fatto le riforme e siamo pronti a dare il nostro contributo all'Europa".

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Senato, Paolo Gentiloni riferisce sul prossimo consiglio europeo del 19 e 20 Ottobre

Legge elettorale in aula al Senato. Con voti segreti verso la fiducia

Tra 180 e 200 le proposte di modifica con cui il testo arriva all'esame dell'assemblea

Roma, Terza Conferenza nazionale sulla famiglia

Bankitalia, Di Maio: "Boschi aguzzina". Lei: "Pronta a confronto tv"

Anche Mpd contro il sottosegretario: "Non deve partecipare a Cdm"

Referendum sull'autonomia, la riunione della giunta

Referendum, Zaia: "Pronti a trattare con il governo". Salvini: "Lezione di democrazia"

Maroni difende il voto elettronico: "Ha funzionato bene, è il futuro"

P.zza Montecitorio, presidio in favore del testamento biologico

Biotestamento, l'appello dei sindaci: "Legge subito in Senato"

Tra i firmatari Raggi, Appendino, Sala e de Magistris