Martedì 08 Novembre 2016 - 11:00

Ue, Renzi: Alcune regole del gioco sono state fatte contro di noi

Il premier attacca: "Non possiamo essere il bancomat dei Paesi dell'Est Europa"

Ue, Renzi: Alcune regole del gioco fatte contro di noi

Renzi sul piede di guerra dopo lo scontro di ieri con Juncker. "Noi abbiamo in Europa delle regole del gioco che sono state fatte contro di noi", ha detto il presidente del Consiglio incontrando ad Asti i sindaci del territorio e le istituzioni locali. 

"O si imposta una filosofia della crescita e dell'innovazione o non si va da nessuna parte. Se non cambia nulla sull'immigrazione nella discussione che si apre sul bilancio nel 2017 noi mettiamo il veto. Noi siamo disponibili a fare la nostra parte a condizione che gli altri facciano la loro". "Non possiamo essere il bancomat dei paesi dell'Est Europa - ha aggiunto - questo crea una frattura. Non possiamo essere il salvadanaio di quei Paesi che chiedono solidarietà solo quando c'è da prendere".

Poi rivolgendosi ai primi cittadini: "Cari sindaci tornate a progettare. Tutto quello che serve per l'edilizia scolastica sta fuori dal patto di stabilità, che piaccia o che non piaccia ai signori di Bruxelles". 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Montecitorio, fiaccolata in memoria di Giulio Regeni a due anni dalla sua morte

Regeni, Salvini vola da Al-Sisi: "Giustizia rapida per Giulio"

Il ministro dell'Interno in Egitto: "Il presidente ha assicurato che sarà fatta chiarezza"

Migranti, altri morti e scontro Open Arms-Salvini. Mattarella invoca 'accoglienza'

Una imbarcazione è affondata al largo del nord di Cipro e il bilancio è di almeno 19 morti. Un'altra nave con migranti a bordo bloccata di fronte alla Tunisia

Commissione Vigilanza Rai. Eletto il Presidente Alberto Barachini

Rai, Alberto Barachini: chi è il nuovo presidente della vigilanza

Giornalista, dal 1999 è cresciuto nella squadra Mediaset. Alle ultime elezioni politiche, Silvio Berlusconi lo ha voluto nella squadra dei candidati azzurri

Giustizia, il ministro Bonafede al Csm

Legittima difesa, Bonafede: "No alla liberalizzazione delle armi". M5S frena

Salvini precisa: "No pistole vendute in tabaccheria. Niente modello americano". Il premier Conte: "No alla giustizia privata"