Lunedì 04 Aprile 2016 - 13:15

Ue, Padoan: Da Italia sforzo maggiore di tutti per risanare conti

Italia sta cominciando a domare il "mostro" del debito pubblico

Il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan

"L'Italia è un Paese che, malgrado quello che si dica spesso sulla stampa italiana e qualche volta purtroppo anche sulla stampa internazionale, più di molti altri se non di tutti quelli della zona euro e dell'Ue fa uno sforzo di aggiustamento di finanza pubblica, molto superiore degli altri soprattutto perché ha questo mostro del debito che cominciamo a domare. Ha smesso di crescere e comincerà a scendere da quest'anno". Lo ha detto il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, intervenendo al convegno 'Buone pratiche di finanza pubblica: il caso della Regione Lazio' a Roma. "La dinamica della spesa - ha sottolineato - è già sotto controllo, non fuori controllo come spesso si sente dire. La spesa al netto degli interessi e delle prestazioni sociali resta stabile in termini nominali e dunque scende in termini reali in un quadro di inflazione bassissimo", ha proseguito, specificando che i risparmi ammontano a 3,5 miliardi nel 2014, 18 nel 2015 e 25 nel 2016.

"I pagamenti della Pubblica amministrazione erano il tema del giorno quando ho iniziato a fare il ministro, poi l'attenzione dei media è andata scemando man mano che arrivavano risultati positivi. Ma che volete farci, le buone notizie interessano poco", ha rimarcato Padoan con un frecciata ai mezzi di informazione.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Draghi avverte: Decisori politici colgano occasione per fare riforme

Draghi avverte: Decisori politici colgano occasione per fare riforme

"Dobbiamo creare opportunità investimento per i risparmi"

Ferrovie, in arrivo 450 nuovi treni regionali

Ferrovie, in arrivo 450 nuovi treni regionali

Si tratta di un investimento per 4 miliardi

Ferrovie, piano da 94 miliardi in 10 anni

Ferrovie, piano da 94 miliardi in 10 anni

Mazzoncini: "Si creeranno 21mila nuovi posti di lavoro annui"

Via libera all'aggiornamento del Def: nel 2017 Pil all'1%, deficit fino al 2,4%

Via libera all'aggiornamento del Def: Pil all'1%, deficit fino al 2,4%

Renzi: "Chiederemo un altro 0,4% per il terremoto e per la gestione dell'immigrazione"