Lunedì 25 Gennaio 2016 - 16:15

Ue lancia l'allarme: Il debito dell'Italia è ancora elevato

Secondo la Commissione porta sul Paese un alto rischio nel medio termine, ma non nel futuro se riforme pensioni

Ue lancia l'allarme: Il debito dell'Italia è ancora elevato

Il debito dell'Italia "ancora elevato" alla fine delle proiezione della Commissione Ue, che vedono come orizzonte il 2026, "porta sul Paese un alto rischio nel medio termine". Lo scrive Bruxelles nel suo rapporto sulla sotenibilità dei conti pubblici. "Dato il debito elevato, gli choc negativi sulla crescita (portati da shock sulla crescita reale del Pil rispetto all'inflazione) e sui tassi di interesse, avrebbero un impatto notevole", scrive la Commissione Ue, che parla di "elevate sensibilità" dell'Italia a possibili choc.

NO RISCHI FUTURI SE RIFORMA PENSIONE ATTUATA. Sui conti pubblici italiani, scrive inoltre la Commissione, "non sembrano esserci rischi di sostenibilità nel lungo periodo", ma questo "assumendo la piena attuazione delle riforme delle pensioni adottate in passato e a condizione di un mantenimento di un avanzo primario strutturale al livello previsto dalla Commissione per il 2017 (2,5% del Pil) ben oltre quell'anno".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Def, Padoan: Punti di vista diversi con Ue, ma regole rispettate

Def, Padoan: Punti di vista diversi con Ue, ma regole rispettate

"Con la Commissione partiamo da punti diversi in grande trasparenza"

Def, deficit/Pil in calo al 2% nel 2017: lotta agli sprechi

Def, il deficit/Pil in calo al 2% nel 2017: lotta agli sprechi

Prosegue il "percorso di consolidamento delle finanze pubbliche"

Draghi avverte: Decisori politici colgano occasione per fare riforme

Draghi avverte: Decisori politici colgano occasione per fare riforme

"Dobbiamo creare opportunità investimento per i risparmi"

Roma, incontro tra Governo e sindacati sulle pensioni e sul lavoro

Pensioni, accordo governo-sindacati. Poletti: 6 miliardi in 3 anni

Siglato il verbale dopo un incontro tra i sindacati e il ministero del Lavoro