Lunedì 25 Gennaio 2016 - 16:15

Ue lancia l'allarme: Il debito dell'Italia è ancora elevato

Secondo la Commissione porta sul Paese un alto rischio nel medio termine, ma non nel futuro se riforme pensioni

Ue lancia l'allarme: Il debito dell'Italia è ancora elevato

Il debito dell'Italia "ancora elevato" alla fine delle proiezione della Commissione Ue, che vedono come orizzonte il 2026, "porta sul Paese un alto rischio nel medio termine". Lo scrive Bruxelles nel suo rapporto sulla sotenibilità dei conti pubblici. "Dato il debito elevato, gli choc negativi sulla crescita (portati da shock sulla crescita reale del Pil rispetto all'inflazione) e sui tassi di interesse, avrebbero un impatto notevole", scrive la Commissione Ue, che parla di "elevate sensibilità" dell'Italia a possibili choc.

NO RISCHI FUTURI SE RIFORMA PENSIONE ATTUATA. Sui conti pubblici italiani, scrive inoltre la Commissione, "non sembrano esserci rischi di sostenibilità nel lungo periodo", ma questo "assumendo la piena attuazione delle riforme delle pensioni adottate in passato e a condizione di un mantenimento di un avanzo primario strutturale al livello previsto dalla Commissione per il 2017 (2,5% del Pil) ben oltre quell'anno".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

TURKEY-ECONOMY-CURRENCY

Lira turca in bilico, Erdogan: "Boicotteremo prodotti elettronici Usa"

Dopo la ripresa e il sospiro di sollievo dei mercati, il nuovo annuncio rischia di riaffossare la moneta

Vertice tra i 'big' del governo: "Impegno su debito". Scende lo spread

Telefonata tra Conte, Di Maio, Salvini e Tria. Il differenziale Btp-Bund in calo dopo aver toccato quota 278 punti base

US-ENGLAND-ART

Tensione sui prezzi a luglio. L'inflazione sale all'1,5%

Un aumento dello 0,2% su base annua. Crescono alcuni bene di consumo. Meno i servizi

Sciopero di 24 ore dei piloti Ryanair

Ryanair, sciopero dei piloti in 5 Paesi europei: coinvolti 55mila passeggeri

Braccia incrociate in Belgio, Svezia, Irlanda, Germania e Olanda. Cancellati 400 voli