Martedì 13 Giugno 2017 - 17:30

Messina, uccisa dal marito dopo 12 denunce: condannati giudici

Stabilito che ci fu 'colpa grave' nell'inerzia dei magistrati

Uccisa dal marito dopo 12 denunce: condannati magistrati che ignorarono richieste d'aiuto

Il tribunale di Messina ha condannato i magistrati che dieci anni fa non intervennero per bloccare il marito violento di una donna poi da lui assassinata. La vittima, Marianna Manduca, presentò dodici denunce contro il marito in poco meno di un anno e mezzo, ma le sue disperate richieste di protezione rimasero inascoltate fino al 2007, quando venne uccisa in strada, presa a coltellate dal marito a Palagonia (Catania).
I giudici hanno stabilito che ci fu 'colpa grave' nell'inerzia dei giudici che, nonostante i ripetuti segnali di violenza da parte del marito e le denunce della moglie non trovarono il modo di fermarlo.

Per questo la Presidenza del Consiglio dei ministri sarà tenuta al pagamento di un risarcimento dei danni subiti dai tre figli della donna uccisa.
E' una sentenza rivoluzionaria, spiega l'avvocato Alfredo Galasso, legale del padre adottivo dei tre ragazzi insieme all'avvocato Licia D'Amico: "Sono estremamente rare le condanne dei magistrati al risarcimento del danno prodotto da loro errori".

Saverio Nolfo, questo il nome dell'omicida tutt'ora in carcere, aveva minacciato più volte la moglie. Lei, all'epoca con tre figli piccoli, il minore di soli 2 anni, si era rivolta alle forze dell'ordine: più volte aveva sporto denuncia nella speranza che qualcuno fermasse quell'uomo dal quale lei cercava disperatamente di fuggire: "Mi ucciderà, aiutatemi", aveva chiesto ai magistrati. Le minacce erano diventate sempre più violente fino a quando, nel settembre del 2007, Nolfo le si era presentato davanti, armato di coltello, gridandole in faccia che con quello l'avrebbe uccisa. Lei si era precipitata di nuovo a denunciare, ma ancora una volta nessuno era intervenuto: due settimane dopo quell'ultima denuncia, il 3 ottobre del 2007, l'uomo l'aveva uccisa in strada con sei coltellate.

La sera dell'omicidio un giovane cugino della vittima, Carmelo Calì, residente a Sinigallia, era andato a prendere i tre bambini rimasti orfani, di cui in seguito ha ottenuto l'affidamento e l'adozione. L'uomo, che ha avuto poi altri 3 figli, non si è arreso e ha voluto chiedere conto dell'inerzia dei magistrati. "Ci siamo chiesti: come è possibile chiedere alle donne di denunciare e di non subire in silenzio, se poi dalle autorità non arriva risposta?", racconta l'avvocato Licia D'Amico, legale della famiglia. L'iter legale è stato lungo e "solo nel 2014 la Corte di Cassazione ha stabilito che la domanda di risarcimento nei confronti dei pm che si occuparono del caso era ammissibile", spiega l'avvocato. Ai tre figli di Marianna Manduca, che oggi hanno 12, 13 e 14 anni, il tribunale ha riconosciuto il danno patrimoniale - la madre lavorava e il suo supporto economico è venuto loro a mancare - ma non i danni morali.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Torino, crollato un pezzo della scenografia della Turandot al Regio

Torino, cade pezzo di scenografia al Teatro Regio: feriti due coristi

L'incidente durante il secondo atto della Turandot

Fontane prese d'assalto dai turisti

Cambia il clima: gli ultimi tre anni tra i più caldi di sempre

Uno studio OMM. Anche il 2017 si colloca ai livelli degli altri due confermando una tendenza. Forte il riscaldamento Artico

Milano, presidio memoria lavoratori della Lamina

Milano, incidente sul lavoro in un'azienda: morto il quarto operaio

Era sopravvissuto ma è rimasto in condizioni critiche per giorni. Nella disgrazia hanno perso la vita altri tre colleghi: uno era il fratello