Giovedì 17 Novembre 2016 - 13:00

Ubi, chiuse indagini su 39 indagati tra cui Bazoli e Zanetti

Al centro dell'inchiesta una gestione poco trasparente della banca

Ubi, chiuse indagini su 39 indagati, tra questi Bazoli e Zanetti

Sono 39 gli indagati che rischiano di finire a processo per la gestione di Ubi, la quarta banca italiana, nata dalla fusione fusione tra le banche di Brescia e Bergamo. Tra di loro c'è anche Giovanni Bazoli, come presidente dell'associazione Abpl, e la figlia Francesca, l'amministratore delegato di Ubi Victor Massiah, Emilio Zanetti, come presidente dell'associazione 'Amici di Ubi', il vicepresidente di Ubi Mario Cera,oltre al presidente del consiglio di sorveglianza Andrea Moltrasio e all'imprenditore Giampiero Pesenti.

Per il procuratore di Bergamo Walter Mapelli, titolare dell'indagine, gli indagati in concorso tra loro erano a conoscenza dell'esistenza di un patto parasociale stretto tra le Associazioni ABLP e Amici di Ubi Banca, direttamente riconducibili a Bazoli e Zanetti, un accordo che permetteva di decidere l'alternanza negli organi di governo della banca, dirigendo con i loro voti l'assemblea dei soci.

Il patto parasociale, per la Procura di Bergamo, non sarebbe stato comunicato a Consob e Banca d'Italia, facendo intendere alle autorità di vigilanza che i vertici di Ubi venissero nominati con una naturale alternanza tra la componente bresciana è quella bergamasca. Invece erano le due associazioni guidate da Bazoli e Zanetti e a decidere i vertici del gruppo e a pronunciarsi anche su importanti questioni aziendali, non passando per gli organismi della banca. A Bazoli è anche contestato di aver ignorato il divieto di possedere cariche in due gruppi concorrenti come Ubi e Banca Intesa.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Milano, il gip convalida arresto aggressore stazione Centrale

Milano, il gip convalida arresto aggressore stazione Centrale

Hosni giovedì sera ha accoltellato due militari e un agente della Polfer

Agguato di mafia, ucciso a Palermo il boss Giuseppe Dainotti

Agguato di mafia, ucciso a Palermo il boss Dainotti

Si trovava in bicicletta a via D'Ossuna quando è stato raggiunto da colpi di pistola

Conferenza stampa in Questura dopo accoltellamento Stazione Centrale

Hosni: I coltelli servivano per difendermi, avevo assunto droga

"Sono sempre solo e in stazione c'erano persone che volevano farmi del male"

Il Papa nomina 5 nuovi cardinali: c'è anche assistente Romero

Il Papa nomina 5 nuovi cardinali: c'è anche assistente Romero

Tra i nomi scelti dal pontefice nessuno italiano